SHARE

marco benassi

Sabato sera ha debuttato in serie A da titolare nella vittoria dell’Inter per 2 a 0 contro il Pescara. È stato quindi facile per noi proporvi la scheda di Marco Benassi.

Vedendo in campo determinati giocatori, sembra così naturale, così normale che questi atleti si siano dedicati al calcio. Banalmente per come si impegnano sul rettangolo di gioco, tecnicamente per come lo “strumento” pallone sia felice di rimanere sia attaccato al piede sia di essere lanciato in illuminanti passaggi verso i compagni di squadra.

Marco Benassi è anche tutto questo. Nasce e cresce a Modena, dove inizia a giocare a calcio nella società cittadina del “Guido Pini”. I primi anni sono subito ad impatto positivo ed arriva molto presto la chiamata del Modena che lo inserisce nel proprio quadro giovanile.
Dopo diverse partite visionate da vari suoi dirigenti, l’Inter decide di muovere i suoi passi per testare il calciatore nel proprio organico: era il Gennaio 2011 quando Benassi approda in neroazzurro, inserendosi nella rosa degli Allievi Nazionali. Inizialmente in prestito con diritto di riscatto della metà. Riscatto che viene esercitato dopo i primi 6 mesi . Per la stagione 2011/2012 Modena ed Inter si accordano per una comproprietà che viene rinnovata anche nella stagione 2012/2013: in questo frangente viene anche rinnovato il contratto in essere, allungando la scadenza al 2017.

La stagione 2011/2012 ha rappresentato un punto importante nella sua carriera: vittoria del campionato con la formazioni Berretti, vittoria della Next Generation Series, vittoria del Campionato Primavera. Per tutto l’anno è riuscito a dividersi su queste competizioni, risultando spesso e volentieri tra i più decisivi.

Andrea Stramaccioni, passato alla guida della Prima Squadra, conoscendolo bene lo ha aggregato spesso e volentieri, tanto da portarlo anche in ritiro estivo con i più grandi. Grazie alle panchine allargate in Serie A ha fatto anche capolino tra i convocati per le partite di Campionato ed Europa league nella stagione 2012/2013.

A qualificazione ottenuta nella competizione UEFA si guadagna la sua prima presenza con la maglia dell’Inter nell’incontro contro il Rubin Kazan il 22 Novembre 2012.

Benassi raccoglie in se tutti gli elementi positivi che possono coesistere in un centrocampista centrale: ha senso della posizione, che lo aiuta in entrambe le fasi di gioco, ha le geometrie per impostare e il tiro da fuori per finalizzare l’azione, aiutato da un fisico importante (1,83 x 80 kg) e facilità di corsa. Impressionante l’impatto nella sua prima presenza in serie A, carisma, personalità e buone giocate, il ragazzo c’è.

di Dino Mulalic per generazioneditalenti.com

SHARE
Previous articleLazio, porte Klose?
Next articleAustralian Open: Seppi al terzo turno, ok Federer e Murray
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85