SHARE

nainggolan

Nell’ultima giornata di mercato all’ombra del Vesuvio i tifosi azzurri sembrano non accontentarsi dell’arrivo del difensore Rolando dal Porto. Il direttore sportivo del Napoli Riccardo Bigon ha operato bene in questa sessione di trasferimenti invernale, puntellando i reparti che maggiormente avevano bisogno di essere migliorati, con gli acquisti di Emanuele Calaiò per l’attacco, Pablo Armero per il ruolo di esterno sinistro e Rolando appunto, che senza problemi avvicenderà l’argentino Federico Fernandez, prestato al Getafe dopo aver manifestato il proprio malcontento per il suo scarso utilizzo. C’è un pallino fisso però, da almeno un anno, ed è rappresentato dal centrocampista tuttofare del Cagliari Radja Nainggolan.

Il giocatore piace ad allenatore, tifosi, presidente, dirigenti…e stampa ed operatori di mercato sono convinti che il Napoli in queste ultime ore prima della chiusura del calciomercato sferrerà l’assalto decisivo per il calciatore con passaporto belga, facendo leva sulle elevate possibilità di spesa per gli acquisti. Il prezzo richiesto dal presidente rossoblu Massimo Cellino è elevato, c’è da dire che la trattativa potrebbe essere facilitata dal fatto che agli azzurri non serve più un centrale di difesa dopo aver preso Rolando: in precedenza infatti le mire dei campani si erano posate anche su Davide Astori.

Ora però Bigon può pensare al solo Nainggolan, per il quale in nottata sono stati proposti Dzemaili, Uvini e soldi, tanti soldi. Il difensore brasiliano però in mattinata si è avvicinato al Siena, questa idea potrebbe restare valida per giugno, a meno che Bigon non arrivi a 18 milioni di euro, che è la valutazione stimata dal Cagliari per il jolly di centrocampo. In tal caso Nainggolan potrà lasciare sin da subito la Sardegna, con la società cagliaritana che ha bisogno di monetizzare.