SHARE

958627-15739418-640-360

Viktoria Plzen 2-0 Napoli (Kovarik, Tecl)

Il Napoli esce mestamente dall’Europa League ai sedicesimi di finale. Una vera batosta quella del Viktoria Plzen, capace di vincere ancora dopo lo zero a tre del San Paolo. Un’altra serataccia per gli azzurri di Mazzarri.
Gli azzurri cercano di trovare subito il gol del momentaneo vantaggio, per poi giocarsela a viso aperto nella ripresa. Il gol però non arriva e il primo tempo finisce a reti inviolate. A dire il vero, il Viktoria risulta anche più pericoloso degli undici di Mazzarri.

Nella ripresa l’allenatore azzurro rischia il tutto per tutto. Passa al 4-24 con Inler e Cavani al posto di Donadel e Behrami. Ma il Napoli non gira, anzi subisce le avanzate offensive degli attaccanti cechi.

Il Viktoria Plzen al 51’ trova il gol del vantaggio con Kovarik, complice anche un pessimo De Sanctis. Gamberini lascia il campo per infortunio, mentre i padroni di casa non smettono di giocare. E al 74’ raddoppiano con Tecl con uno splendido tiro a giro, che coglie di sorpresa il portiere azzurro. Il Napoli saluta così l’Europa.

La delusione è cocente perché non è accettabile il fatto di poter chiudere la propria avventura europea con un bilancio complessivo di 5-0 contro una formazione modesta come il Viktoria Plzen.Gli azzurri sono in flessione fisica e quando non gira Cavani è difficile che riescano a vincere le partite.

Viktoria Plzen: Kozacik, Reznik, Cisovsky, Prochazka, Limbersky; Darida, Horvat, Rajtoral, Kolar, Kovarik, Bakos

Napoli: De Sanctis, Maggio, Gamberini, Rolando, Zuniga, Behrami, Donadel, Dzemaili, Pandev, Calaiò, Insigne