SHARE
Luca Antonini
Luca Antonini
Luca Antonini

In panchina per scelta tecnica, ma anche per scelta futura. Luca Antonini, difensore trentenne del Milan, ha ottenuto dal Comitato lombardo della Lega Nazionale Dilettanti l’abilitazione ad allenare squadre dilettanti e giovanili.  Il patentino, indispensabile per chi intende lavorare nel mondo del calcio da mister, è arrivato dopo un percorso di studi iniziato a novembre che ha portato il terzino rossonero ad affrontare un esame teorico e pratico.

Il difensore è ormai da tempo stabilmente lasciato in panchina dal tecnico del Milan Massimiliano Allegri: anche da qui arriva la scelta di costruirsi un futuro dopo aver appeso gli scarpini al chiodo. Luca Antonini ha solo 30 anni, quindi il suo ritiro dal mondo del calcio non è di certo prevedibile entro breve. Meglio, però, essere previdenti e pensare al futuro. Anche perché Antonini ha un esempio di successo da allenatore proprio “in casa”: Pippo Inzaghi sta facendo grandi cose come tecnico delle giovanili e chissà che anche lui un giorno ne segua le orme. Il patentino da allenatore di dilettanti e giovanili potrebbe essere solo l’inizio di una nuova carriera in panchina per il difensore, visto che la sua esperienza tanto in Serie A quanto nel calcio internazionale vale come requisito aggiuntivo e privilegiato anche per ottenere l’abilitazione a categorie più importanti.

Intanto, però, a tenere banco è ancora il campo: il giocatore deve cercare di riconquistarsi un posto da titolare nella Prima squadra del Milan. Contro il Genoa probabilmente Luca Antonini non sarà in campo, anche se è tornato ad allenarsi con il resto del gruppo. Tra poco meno di una settimana ci sarà il Barcellona, chissà che il tecnico del Milan non decida di ridare una possibilità al neocollega.