SHARE

cavani

E’ ormai diventato d’ufficio uno dei top player d’Europa, e lo ha fatto a suon di gol, superando quota 20 reti a stagione già da tre anni, da quando è approdato a Napoli. Edinson Cavani segna un gol per ogni milione della sua stratosferica valutazione, che attualmente ammonta a 63 milioni di euro, tanti quanti ne prevede la clausola del contratto che lo lega alla società di Aurelio De Laurentiis. E’ pur vero che il Matador non segna da 7 partite ormai, un’eternità per uno come lui che sta deliziando i tifosi azzurri sin dal suo arrivo in riva al Golfo, ma il valore non si discute e lo dimostrano i rumors, alcuni fondati altri meno, che vorrebbero i più prestigiosi club d’Europa sulle sue tracce.

VOCI E se qualche squadra italiana ha fatto un qualche minimo sondaggio su di lui, restando basita per la cifra che occorre nell’acquistarlo, meno paura sembrano avere le società estere che possono godere di capitali pressoché illimitati come Chelsea, Manchester City e Real Madrid. La stampa straniera inserisce quasi quotidianamente Cavani in cima alla lista delle spesa di questo o di quel club. La certezza però è che il bomber di Salto per il momento non pensa ad altre offerte e ha in mente soltanto di far bene con il Napoli, la squadra grazie alle quale è diventato uno dei giocatori più ambiti al mondo.

CURIOSITA’ Cavani tra l’altro è il terzo centravanti più pagato d’Europa dopo Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo, tenendo in considerazione il solo ruolo di punta centrale. E un’altra particolarità: domenica si gioca Chievo-Napoli, per il numero 7 azzurro sarà quasi una partita da ex avendo sostenuto coi gialloblu un provino di circa 15 giorni nel 2006. Tra i Mussi Volanti c’era Amauri, che lo prese sotto la sua ala protettiva, ma il club veneto non si accordò sul prezzo di acquisto con il Danubio, il club nel quale il calciatore si è formato in Uruguay e che pretendeva mezzo milione di euro. Cavani tentò un nuovo provino al Treviso, dove c’erano anche Maggio e Dossena. Anche qui non se ne fece nulla, e a gennaio del 2007 lo prese il Palermo per 5 milioni di euro. E nel 2010 c’è stato l’azzurro del Napoli, per 17 milioni di euro, circa un quarto di quanto è valutato ad oggi.