SHARE

Mazzarri Maidirecalcio

Puntuale alle 13,00 Walter Mazzarri si presenta in sala stampa al S. Paolo per la conferenza abituale prima del match di domenica sera contro il Genoa:

“Contro il Genoa più difficile per la situazione diffidati? E’ come contro il Bologna, una partita trappola per tanti motivi anche in base alle ultime partite fatte. Non vorrei che si considerasse come partita facile rispetto a quella del Milan. Non bisogna assolutamente sbagliare. Scelte in funzione di Milan – Napoli? Non faccio calcoli. Quando stiamo bene facciamo la partita e dobbiamo riuscire a non prendere troppi cartellini gialli. Se attacchiamo come sappiamo non dobbiamo pensare alle ammonizioni. Moduli e situazioni provate in corso d’opera? In settimana proviamo alternative per avere i ragazzi pronti a cambiare in corsa, è tutto programmato. Ogni giocatore sa cosa deve fare. Dzemaili è una variabile positiva per l’attacco? Non voglio parlare troppo di tattica per non avvantaggiare l’avversario ma alla fine è evidente che Dzemaili si inserisce e riesce a fare bene la mezz’ala.”

“Problema rigori, si potrebbe ricorrere a Pandev? Di solito designo due rigoristi. Pandev quando è mancato Edi o Hamsik, mi ha detto di sì. Ma ciò esula dal discorso generale. Se c’è un errore consiglio ai ragazzi di come batterlo. E’ brutto togliere ad un giocatore importante l’incarico di battere i calci di rigore.  Kucka – Matuzalem bella diga da contrastare? Il Genoa ha sempre fatto grandi gare, è una signora squadra in tutti i suoi 11 e così anche i ricambi. Basti pensare all’attacco con Immobile, Borriello, Bertolacci. Anche il centrocampo è importante, per non parlare di Portanova che già contro il Bologna ci ha punito. Le prossime due partite decisive per il secondo posto? In caso positivo sì. Se centriamo entrambe le partite senza errori, sarebbe difficile per tutti toglierci il secondo posto. Nel caso di esito negativo abbiamo tempo per recuperare. Ballardini rivendica l’idea di Cavani al centro? Credo che i gol che abbia fatto a Napoli non li ha fatti altrove. Non è una questione di posizione ma come gioca la squadra intorno a lui. Se un giocatore fa bene e ha un determinato ruolo intorno alla squadra emerge, ma il contributo dei compagni di squadra è fondamentale. Spia del Napoli all’allenamento? Tutti i grandi club lo fanno. Parliamo di calcio. Come approcciare la partita? Il Genoa quando attacca ha valori importanti. Borriello è un giocatore che ci ha sempre messo in difficoltà, così come Bertolacci. Dobbiamo fare la partita e cercare di portare a casa l’intera posta. E’ una partita insidiosa e dobbiamo stare attenti. Come sta Campagnaro? Da rivedere i meccanismi difensivi? Non si tratta di meccanismi. A Torino abbiamo preso 3 gol per ingenuità. Sono errori di disattenzione individuale e bisogna fare attenzione. Campagnaro sta bene. E’ a disposizione. Rapporto con DeLa? D’accordo sul Napoli forte giovane e tosto professato dal Presidente? L’importante è che sia forte. Conta che sia forte. Seguirai Fiorentina Milan? Dobbiamo pensare a noi. Siamo a poche giornate dalla fine e siamo secondi in classifica. Sono d’accordo con Conte. Nel calcio alcune squadre non possono sbagliare e centrare l’obiettivo Champions ed è quello che vogliamo. Dobbiamo puntare a vincerle tutte. Il Milan parla di secondo posto e per noi è un grande stimolo difenderlo, quindi dobbiamo pensare a noi e a provare di vincerle tutte.”

SHARE
Previous articleDe Laurentiis twitta alla grande
Next articleSenti Mancini: “Ci manca Balotelli”!
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85