SHARE

CopaLibertadores

Per chi non conoscesse questa grande competizione, dobbiamo innanzitutto sottolineare le diversità rispetto a quello che sarebbe il nostro torneo parallelo, la Champions League.

La Libertadores si svolge nella sola prima metà dell’anno, andando a concentrare parecchie partite nell’arco di soli 6 mesi. Le due finaliste si trovano così ad aver giocato ben 14 partite in pochi mesi, da gennaio a giugno (quest’anno si terminerà a luglio poiché a giugno vi è la Confederations Cup in Brasile), e non durante tutto l’arco della stagione calcistica, come succede alle squadre europee impegnate nella Champions League. Sicuramente questo influisce sul rendimento dei club nei loro campionati di appartenenza e spesso la maggior parte delle squadre preferisce concentrarsi sul solo obiettivo continentale, ben consapevole del dispendio di energie, sia fisiche sia mentali, che la Copa comporta.

Altra differenza sostanziale è la finale, che si disputa con la formula di andata e ritorno in casa delle due squadre ancora rimaste in gioco, mentre in Europa la finale, fin dalla sua prima edizione, si è sempre disputata in una partita secca. Da sottolineare come nell’atto conclusivo, al contrario degli altri turni ad eliminazione diretta, in caso di parità di goal nei due incontri di andata e ritorno non abbiano valore le reti segnate fuori casa. Questo sistema impedisce di poter vincere la Copa per la differenza reti in trasferta.

Da evidenziare che gli accoppiamenti degli ottavi di finale non avvengono tramite un sorteggio, come in Europa, ma in base a una classifica che si basa sul rendimento avuto nella fase a gironi. La prima squadra della classifica affronterà l’ultima, la seconda la penultima, la terza la terzultima, e così via. Le squadre classificatesi prime in ogni girone sono classificate tra le posizioni 1-8, le seconde invece tra le posizioni 9-16. Questo metodo permette di eliminare il sorteggio e di stilare un vero e proprio tabellone che si protrarrà dagli ottavi fino alla finalissima.

Similmente alla Champions europea, la fase a gironi comprende 32 club, divisi in 8 gironi da 4 squadre ciascuno. Sono qualificate agli ottavi di finale ad eliminazione diretta le prime due classificate di ogni girone. Le 32 squadre vengono così determinate: 26 squadre ammesse direttamente ai gironi, a cui si aggiungono 6 squadre, una per ogni federazione nazionale, qualificatesi dopo un turno preliminare, con sfida di andata e ritorno. Le 38 squadre partecipanti sono così ripartite: Argentina e Brasile hanno a disposizione 5 squadre (di cui 4 con accesso diretto alla fase a gironi); Bolivia, Cile, Colombia, Ecuador, Messico, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela portano 3 squadre ciascuna (di cui 2 già qualificate alla fase a gironi). A queste si aggiunge la squadra detentrice, quest’anno il Corinthians, che è ammessa ai gironi, indipendentemente dalla sua posizione in classifica nel campionato nazionale precedente; per tale ragione, è riservato alla federazione della squadra vincitrice dell’edizione precedente un posto supplementare al turno preliminare: il Brasile si è così presentato quest’anno con 6 squadre ai nastri di partenza.

Ecco le 38 partecipanti alla Copa Libertadores 2013, divise per nazione di appartenenza: ARGENTINA (5 squadre): Arsenal de Sarandì, Boca Juniors, Newell’s, Vélez Sarsfield, Tigre; BOLIVIA (3 squadre): Bolivar, San José, Strongest; BRASILE (6 squadre): Atletico Mineiro, Corinthians, Fluminense, Gremio, Palmeiras, Sao Paolo; CILE (3 squadre): Deportes Iquique, Huachipato, Universidad de Chile; COLOMBIA (3 squadre): Deportes Tolima, Millonarios, Santa Fe; ECUADOR (3 squadre): Barcelona Sporting Club, Emelec, Ldu Quito; MESSICO (3 squadre): León, Tijuana, Toluca; PARAGUAY (3 squadre): Cerro Porteño, Libertad, Olimpia; PERU (3 squadre): Real Garcilaso, Sporting Cristal, Universidad Cesar Vallejo; URUGUAY (3 squadre): Defensor Sporting, Peñarol, Nacional; VENEZUELA (3 squadre): Caracas, Deportivo Anzoategui, Deportivo Lara.

La Copa Libertadores ha avuto inizio con il turno preliminare che ha visto in campo 12 squadre, datesi battaglia tra il 22 e il 24 gennaio, gara di andata, e tra il 29 e il 31 gennaio, quando è andato in scena il ritorno. Ecco il riepilogo dei risultati, con in grassetto le squadre che sono approdate alla fase a gironi: Tigre-Deportivo Anzoategui: 2-1 (andata), 3-0 (ritorno); Ldu Quito-Gremio: 1-0 (andata), 0-1 (ritorno) (4-5 d.c.r.); Deportes Tolima-Universidad Cesar Vallejo: 1-0 (andata), 1-1 (ritorno) ; Defensor Sporting-Olimpia: 0-0 (andata), 0-2 (ritorno); Sao Paolo-Bolivar: 5-0 (andata), 3-4 (ritorno); León-Deportes Iquique: 1-1(andata), 1-1 (ritorno) (2-4 d.c.r.).

La fase a gironi ha visto le 32 squadre in lotta dal 12 febbraio al 18 aprile. Il tabellone degli ottavi di finale avrà inizio il 24 aprile. Andiamo a vedere le classifiche e chi sono le 16 squadre entrate nell’élite del calcio sudamericano. GRUPPO 1: Nacional 10pt, Boca Juniors 9pt, Toluca 8pt, Barcelona Sporting Club 6pt. Passaggio del turno per le due squadre più “nobili” del girone, con l’ultima giornata che vede la sconfitta indolore delle due di testa, il cui passaggio di turno era stato già raggiunto dopo la 5ª giornata. GRUPPO 2: Palmeiras 9pt, Tigre 9pt, Libertad 8pt, Sporting Cristal 8pt. Gruppo molto equilibrato. Ottengono il passaggio di turno il Palmeiras, incredibilmente retrocesso nel Brasileirao del 2012, e il Tigre, che nell’ultimo turno vince 5-3 sul campo del Libertad; per gli argentini, dopo la finale nella Copa Sudamericana nel semestre scorso, fare strada nella Libertadores significherebbe realizzare un nuovo miracolo. GRUPPO 3: Atletico Mineiro 15pt, Sao Paolo 7pt, Arsenal de Sarandì 7pt, Strongest 6pt. Come prevedibile, passano il girone le due brasiliane. Convince l’Atletico Mineiro, mentre fatica molto di più il Sao Paolo che si qualifica grazie alla miglior differenza reti nei confronti degli argentini dell’Arsenal. GRUPPO 4: Vélez Sarsfield 13pt, Emelec 10pt, Peñarol 9pt, Deportes Iquique 3pt. Il Vélez quest’anno punta decisamente alla Libertadores, tralasciando invece il campionato nazionale; in compagnia degli argentini passa il turno l’Emelec, che si guadagna il punto qualificazione nell’ultima giornata proprio sul campo del Vélez. GRUPPO 5: Corinthians 13pt, Tijuana 13pt, San José 5pt, Millionarios 3pt. I campioni in carica del Corinthians vincono le ultime 3 partite del girone, riuscendo così a qualificarsi come primi grazie alla differenza reti. I messicani, alla loro prima partecipazione alla competizione continentale, riescono nell’impresa di raggiungere gli ottavi di finale. GRUPPO 6: Santa Fe 14pt, Real Garcilaso 10pt, Deportes Tolima 8pt, Cerro Porteño 1pt. Il Santa Fe chiude il girone in testa battendo nell’ultimo turno il Real Garcilaso. Non ne approfitta il Tolima, fermato sullo 0-0 dal Cerro Porteño, che conquista così il suo unico punto della sua Libertadores. GRUPPO 7: Olimpia 13pt, Newell’s 9pt, Universidad de Chile 9pt, Deportivo Lara 4pt. I paraguaiani dell’Olimpia passano il girone in compagnia del Newell’s, argentini che la spuntano solo grazie alla miglior differenza reti nei confronti dell’Universidad de Chile. GRUPPO 8: Fluminense 11pt, Gremio 8pt, Huachipato 8pt, Caracas 6pt. Anche nell’ultimo girone le brasiliane passano il turno, ma devono lottare fino all’ultimo turno: il Fluminense batte sul proprio campo il Caracas e chiude in testa il girone mentre il Gremio conquista il punto qualificazione nello scontro diretto contro il Huachipato e conquista gli ottavi di finale grazie alla miglior differenza reti.

Come abbiamo già sottolineato, le 16 qualificate vengono divise in due classifiche, prime del girone e seconde del girone, dalla migliore alla peggiore, per stilare il tabellone che andrà dagli ottavi di finale sino alla finalissima. Queste le due classifiche:

TABELLA DELLE SQUADRE PRIME CLASSIFICATE: 1)Atletico Mineiro 15pt; 2)Santa Fe 14pt; 3)Olimpia 13pt (dif. gol +9); 4)Corinthians 13pt (dif. gol +8); 5)Vélez 13pt (dif. gol +7); 6)Fluminense 11pt; 7)Nacional 10pt; 8)Palmeiras 9pt.

TABELLA DELLE SQUADRE SECONDE CLASSIFICATE: 9)Tijuana 13pt; 10)Real Garcilaso 10pt (dif. gol +1, 8 gol fatti); 11)Emelec 10pt (dif. gol +1, 5 gol fatti); 12)Newell’s 9pt (dif. gol +1); 13)Boca Juniors 9pt (dif. gol 0); 14)Tigre 9pt (dif. gol -1); 15)Gremio 8pt ; 16) Sao Paolo 7pt.

Il tabellone, in stile tennistico, è così composto:

1)Atletico Mineiro vs 16)Sao Paolo

8)Palmeiras vs 9)Tijuana

4)Corinthians vs 13)Boca Juniors

5)Vélez vs 12)Newell’s

2)Santa Fe vs 15)Gremio

7)Nacional vs 10)Real Garcilaso

3)Olimpia vs 14)Tigre

6)Fluminense vs 11)Emelec

Si parte il 24 aprile e la partita di andata si gioca in casa delle squadre arrivate seconde nel girone. A presto per i commenti delle prossime partite.