SHARE

ibrahimovic-juventus

Per la Juventus che verrà si punta molto sugli introiti garantiti dalla Champions League. Dalla partecipazione alla Coppa dalle grandi orecchie i bianconeri otterranno una cifra compresa tra i 25 ed i 30 milioni di euro, da aggiungere eventualmente agli introiti legati allo Juventus Stadium ed al capitale sociale. Il club di corso Galileo Ferraris investirà buona parte di questa somma per acquistare il famoso top player per l’attacco, che dal prossimo luglio si arricchirà di un nuovo tassello, lo spagnolo Fernando Llorente, in arrivo dall’Athletic Bilbao. Anche con qualche cessione il dg Beppe Marotta intende racimolare denaro utile da poter reinvestire nella campagna trasferimenti.

CHI SALUTA – I probabili partenti sarebbero Isla e De Ceglie di sicuro, poi Matri e/o Quaglierella e Giovinco, per i quali ci si aspetta delle buone offerte. Non andrà via invece Arturo Vidal, senza il quale non ci si può immaginare una Juventus di altissimo livello. Il cileno è un combattente e si è dimostrato l’uomo in più in assoluto delle ultime due stagioni; lo stesso discorso dovrebbe valere anche per Claudio Marchisio, il simbolo moderno della juventinità nell’epoca del dopo Del Piero e per il quale la società guidata da Andrea Agnelli ha respinto in passato 30 milioni dal Bayern Monaco. Anche se nel caso del Principino alcuni addetti ai lavori paventano una situazione non proprio da incedibile.

FOLLIA – Nel frattempo l’ultima pazzia riportata dalla stampa vicina agli ambienti bianconeri parla di un’offerta al Napoli di 40 milioni più Matri, Giovinco e Marrone per avere Edinson Cavani. Un’offerta fuori dal mercato e che stona all’ennesima potenza con quanto dichiarato da Marotta nei mesi scorsi, ovvero che non verranno fatte spese scriteriate. Su Ibrahimovic non convincono l’età, lo stipendio altissimo ed il nullo attaccamento alla maglia, anche se a molti tifosi non dispiacerebbe un ritorno dello svedese.