SHARE

08_52_are_f1_793_a

Il tempo di laurearsi per la seconda volta consecutiva campione d’Italia, e poi La Juventus e il suo allenatore Antonio Conte si siederanno a discutere del rinnovo. Intendiamoci, Conte ha un altro anno di contratto e intende rispettarlo in ogni caso. Inoltre da entrambe le parti c’è la volontà di rinnovare, La Juventus vuole tenersi stretto uno dei migliori tecnici europei e il salentino restare aggrappato ai colori bianconeri che tanto ama.

5 MILIONI– Tuttavia l’ex numero 8 bianconero porrà diverse condizioni alla dirigenza juventina, sia tecniche che economiche. Per quanto riguarda queste ultime chiederà che il suo stipendio salga da tre a cinque milioni di euro all’anno. C’è da dire che già l’anno scorso gli fu adeguato l’ingaggio da un milione e mezzo a tre, facendolo diventare il tecnico più pagato della serie A. Il motivo di questa richiesta risiede nelle offerte ricevute dall’allenatore bianconero, in particolare il Chelsea sarebbe disposto a offrirgli fino a sei milioni annui, Conte vuole restare a Torino ma senza rinunciare a tre milioni all’anno.

GRANDI ACQUISTI– Oltre all’aspetto economico, come detto, c’è da considerare quello tecnico.  Conte ha capito che da questo parco giocatori, soprattutto quello attaccanti, non si può ricavare di più di due scudetti e un quarto di finale di Champions League. Se si vuole fare il salto di qualità definitivo a livello internazionale c’è bisogno di investimenti su gente di comprovata qualità e esperienza. E’ questa la seconda condizione di Conte: un potenziamento della rosa e l’arrivo del tanto agognato top player. In particolare il tecnico bianconero vuole rinnovare completamente l’attacco, operazione già iniziata con l’arrivo di Llorente, l’unico sicuro di restare in bianconero l’anno prossimo è Mirko Vucinic. Gli altri sono potenzialmente sul mercato per costruire il tesoretto che consenta di arrivare a uno tra Suarez e Sanchez, con Ibrahimovic sempre alla finestra. Per arrivare al top player, però, Conte non vuole che vengano sacrificati pezzi da novanta, Vidal su tutti, e vuole un maggiore coinvolgimento anche in sede di mercato per evitare di veder partire giocatori che lui considera indispensabili come il cileno.

RUOLO CENTRALE– Insomma la Juve e Conte rinnoveranno, ma la trattativa non sarà così scontata come si pensava viste le tante garanzie chieste dal tecnico, tuttavia la Juventus lo accontenterà su tutta la linea perché dalle parti di Vinovo ad oggi c’è una sola certezza: tutto quanto di buono fatto negli ultimi due anni dipende quasi totalmente dal lavoro di Antonio Conte. Il rinnovo arriverà e sarà la consacrazione all’interno delle dinamiche societarie bianconere del ruolo centrale che ricopre e ricoprirà il suo allenatore.