SHARE

stramaccioni-conferenza-stampa-inter

Ultima conferenza della stagione per Andrea Stramaccioni, che in sala stampa alla Pinetina si è presentato al cospetto dei giornalisti mostrandosi sereno e non preoccupato dalle voci che lo vogliono lontano dalla panchina dell’Inter. Ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio:

UDINESE – “E’ una squadra al completo e forte di grandi motivazioni. Noi, però, vogliamo congedarci bene dal campionato. E’ pur vero che i bianconeri sono i calciatori più in forma in questo finale di stagione, con punte di diamante come Di Natale e Muriel“.

INFORTUNI – Palacio rientrerà tra i convocati, anche se partirà dalla panchina. Non esporrò a rischi i miei giocatori: non hanno mai mollato, ma Ranocchia chiede il cambio da tre partite”.

FUTURO – “Non voglio rovinare il vostro divertente teatrino… Mazzarri e Allegri parlano dopo la partita, perché dovrei esprimermi io? Per me parla il Presidente Moratti. Questo è un clima da propaganda, solo il Presidente parlerà del futuro, dopo la partita. Deciderà e annuncerà tutto lui”.

SPOT – Per la prossima campagna abbonamenti, ci potrebbe essere uno spot di Stramaccioni? “Fatti, non parole. Vale per me come per tutti. Le parole le porta il vento”.

STAGIONE DISASTROSA – “Esistono le annate storte, poi bisogna vedere chi si rialza, e noi siamo pronti a farlo. Al mio Presidente posso dire soltanto grazie, e lo farei anche se venissi esonerato. Questa squadra ha dimostrato di avere una difesa insuperabile raggiungendo il record di vittorie in trasferta; ora pensiamo a chiudere bene a ‘San Siro’ contro una fortissima UdineseRanocchia? Un punto fermo”.

GUARIN E PAULINHO – “Fredy rimarrà, ha la mia stima. Il brasiliano è un calciatore di dimensione internazionale e se ne parla da tempo nonostante sia giovane: potrebbe coesistere col portoghese e con Kovacic in mediana”.

MARKOVIC – “Sul talento del Partizan noi ci siamo. Fa gola a tanti club, non promettiamo niente. E’ comunque un prospetto interessante e può diventare un giocatore importante sin da subito”.