SHARE

Baldini-Franco

C’è tutto il peso della Roma sulle sue spalle, tutto il peso degli errori di due anni fallimentari che non hanno rispettato le aspettative di una piazza che merita molto più. E’ questo peso che sta portando Franco Baldini a decidere di lasciare la Roma, di assumersi le sue responsabilità e dimettersi.

DE ROSSI RESTA- Ciò nonostante sta continuando a lavorare per la causa giallorossa, in particolare è appena tornato da Londra dove assicura di non aver parlato della cessione di Daniele De Rossi: “Sono stato a Londra per cedere Stekelenburg al Fulham. Abbiamo raggiunto un accordo condizionato dai soliti fattori: gli interessi del giocatore, le visite mediche eccetera. Su De Rossi non posso dire nulla semplicemente perché non se n’è parlato”.

ASPETTO PALLOTTA- Arriva poi il momento di parlare di sé e del suo pensiero di rimettere l’incarico nelle mani della società, pensiero che per adesso non si è ancora concretizzato: “Non ho ancora rassegnato le dimissioni. Prima devo parlare con Pallotta, esprimergli le mie motivazioni e sentire le sue. Finora non c’è stato modo di farlo completamente non perché la società sia stata assente, anzi a me sembra sia stata fin troppo presente” ha concluso in maniera sibillina. Baldini, poi, spiega le motivazioni che lo stanno portando a riconoscere i propri errori e dimettersi: “Di motivazioni ce ne sono diverse. I risultati deludenti, aver sbagliato due allenatori, il continuo tiro a segno su di me tenendo presente che nel calcio c’è un principio validissimo che dice che alla fine qualcuno paga il conto. Non è più importante che si sia sempre parlato di un progetto di crescita quinquennale”.

 

SHARE