SHARE

1.ilicic

Alle volte è la programmazione e gli obbiettivi da raggiungere a risultare suggestivi, questo il caso di Josip Ilicic che, davanti alle offerte e l’interesse di club qualificati alla prossima Champions League (Bayer Leverkusen e Milan su tutti), avrebbe scelto la squadra del capoluogo toscano, vera e propria rivelazione della Serie A 2012/13.

Convinto soprattutto dal “Progetto Viola” basato su Montella e il bel gioco, orchestrato da un dinamico duo dalle fervide idee quale quello formato da Pradè&Macia, il tutto accompagnato da una società sana, Della Valle è insieme a De Laurentiis uno dei pochi presidenti a poter “chiedere banco” in ogni momento, particolare non da poco in un mercato, soprattutto quello italiano, ricco di prestiti e intarsiato di comproprietà.

LE DICHIARAZIONI Nogomania.com, portale di calcio sloveno, ha raccolto ieri le dichiarazioni del centrocampista in uscita dal Palermo che si è “lanciato” in una disamina futura sulla massima serie: “I viola sono la squadra che mi ispira di più in Italia, hanno fatto una grande squadra e lotteranno per lo Scudetto con la Juventus l’anno prossimo, un vero testa a testa. Il Milan non ha investito abbastanza, il Napoli sarà in difficoltà senza Cavani. Secondo la Gazzetta sono ad un passo dai viola? Parlano per noi, se così fosse avrei già firmato… La Champions League? Non è la mia priorità, voglio un progetto. Ad esempio il Bayer Leverkusen gioca la Champions, ma poi l’anno prossimo che farà?”.

Le parole d’amore per la compagine viola, soprattutto per la “programmazione”, non sono sfuggite a Pradè, letteralmente entusiasta dello spirito del giocatore, pronto ad aprire un canale di comunicazione con Zamparini, con il quale si dovrà discutere anche del, complicato, riscatto di Viviano. Si parla di una cifra intorno ai 10 mln di Euro, il presidente rosanero ne avrebbe chiesti 15 ma sembrerebbe disposto ad abbassare le sue pretese, soprattutto dopo le dichiarazioni di ieri; il giocatore dal canto suo vanta già un accordo con il club gigliato per un corrispettivo intorno al mln di euro annuo con bonus legati alle presenze/gol.

SCELTA GRADITA Ilicic rappresenterebbe una soluzione ottimale per la squadra di Montella, la duttilità del centrocampista sloveno rappresenterebbe la “quadratura del cerchio”, la sua capacità di giocare sia da mezz’ala che da trequartista, permetterebbe all’allenatore partenopeo di mantenere invariato l’amato 4-3-3 o virare nettamente verso il 4-2-3-1 a partita avviata, con avanzamento sulla linea delle ali di uno tra lo stesso Ilicic e Aquilani, entrambi molto forti nell’attaccare gli spazi e dotati di gran tiro dalla distanza.

Dopo l’acquisto di Iakovenko, Marcos Alonso e il più che prossimo arrivo di Joaquin, in attesa di capire cosa succederà a Jovetic, potrebbe essere proprio Ilicic il giocatore giusto con il quale impreziosire il proprio centrocampo, perchè, parafrasando un detto toscano,  “la qualità va sempre alla qualità” e la Fiorentina di tecnica e classe a centrocampo ne ha da vendere.

SHARE