SHARE

angelo_ogbonna_getty

Non ci sono solo l’attacco e tutti i discorsi relativi al top player nei pensieri dei dirigenti della Juventus. Una delle priorità riguarda il reparto arretrato e l’acquisto di un difensore che possa far rifiatare a turno i vari Barzagli, Bonucci e Chiellini senza farli rimpiangere. Come noto, in quest’ottica, il preferito è sempre stato Angelo Ogbonna del Torino. Ebbene nella serata di ieri, Juve e Toro sono tornate ad incontrarsi per discutere del centrale azzurro, facendo dei passi avanti molto significativi che avvicinano Ogbonna all’altra sponda del Po.

L’INCONTRO- Dopo che nei giorni scorsi, le due società avevano trovato un accordo sulla valutazione del giocatore , quantificata in 12 milioni di euro, ora si lavora all’inserimento di eventuali contropartite gradite ai granata. Paratici ha messo sul piatto l’intero cartellino di Ciro Immobile o il prestito di Manolo Gabbiadini, ma convincere maggiormente Cairo sembra essere il centravanti campano che, nei piani della società granata, sarebbe il perfetto erede di Rolando Bianchi.

NODO IMMOBILE- La Juve valuta il centravanti dell’Under 21, 7,5 milioni di euro. E, per coprire la cifra pattuita, sarebbe pronta a inserire un conguaglio economico di 4,5 milioni. In linea di massima il Toro sarebbe d’accordo ma punta a far alzare la parte cash dell’operazione ad una cifra che superi i 5 milioni, poiché valuta Immobile massimo sette milioni. Ad ogni modo la distanza è tutt’altro che incolmabile e tutto ruota attorno alla valutazione del cartellino del centravanti. Cartellino che però dovrà prima essere riscattato interamente dalla Juventus, acquistandone la seconda metà dal Genoa, per poi girarlo al Torino e concludere l’operazione.

 

SHARE