SHARE
Il magnate russo Dmitry Rybolovlev
Il magnate russo Dmitry Rybolovlev
Il magnate russo Dmitry Rybolovlev

Ah Montecarlo!! Lo yacht, il lusso, lo champagne, il caviale e un regime fiscale quasi del tutto assente. Ah la bella vita, il casinò, i locali e il mare e ora anche un’altra attrazione: una grande squadra grazie al magnate russo Dmitry Rybolovlev, che ha già assicurato a Ranieri i vari Moutinho, James Rodriguez e Falcao, e che sarebbe pronto a offrire 100 milioni di euro al Real Madrid per acquistare Cristiano Ronaldo e portarlo al Monaco.

Ma le favole sono destinate sempre prima o poi a concludersi e così i club di Ligue 1 tentano di ostacolare le spese folli del russo puntando sulla fiscalità del Principato. La tassazione francese, infatti, è decisamente elevata e sproporzionata rispetto a quella monegasca. Sui redditi superiori al milione di euro annuo, la mannaia delle tasse raggiunge il 75% del computo totale, cosa che non avviene a Montecarlo. Per uno stipendio di 3 milioni di euro lordi in Francia si guadagnerebbe al netto quasi la metà, al Monaco solo 100 mila euro in meno. Una disparità insostenibile per i presidenti della Ligue 1 che hanno spinto la lega francese, LFP, a prendere giusti provvedimenti.

Per arginare questo fenomeno dal 2014 tutte le società di Ligue 1 e Ligue 2 dovranno obbligatoriamente avere la sede effettiva sul territorio francese, pena l’esclusione. Anche il Monaco dunque. Il testo proposto dalla Lfp è stato approvato il 1 marzo del 2013, il Monaco è ricorso al Consiglio di Stato che ha annullato temporaneamente la modifica dello statuto, impegnandosi a prendere una decisione definitiva entro il 20 giugno 2013.

Tra una settimana si potrà capire se il Monaco dovrà lasciare il Principato (avrebbe dell’incredibile) o se la favola del magnate Rybolovlev continuerà, per la gioia dei tifosi monegaschi.

“Siamo scioccati – ha dichiarato il vicepresidente Jean-Luis Campora -. La nostra storia è qui: siamo a Monaco e resteremo a Monaco anche in futuro. Faremo tutti i ricorsi che ci sarà possibile fare”.

SHARE