SHARE


de laurentiis

Rafa Benitez è il nuovo allenatore del Napoli.

“La scelta di Benitez è importante, con lui però dobbiamo ripartire, prendendo alcune cose della scorsa stagione, altre invece dobbiamo tralasciarle. Voglio che il Napoli sia una bandiera internazionale, mondiale, che scali posizioni importanti. Ora sto cercando di costituire i Napoli Newyorkers, altrimenti andremo in Messico, al confine col Tijuana. E poi nei prossimi due anni vorrei vedere se riesco a fare un’altra squadra a Rio. Se riesco a quadruplicare la presenza napoletana in Inghilterra, a New York e in Brasile potrò veramente morire contento”. Poi si parla anche di Cavani: “Sì, l’ho sentito ma non è cambiato nulla. I titoli dei giornali non hanno rappresentato in maniera precisa le sue parole. Lui certo che non potrebbe mai disconoscere l’importanza di un club come il Real Madrid. E’ un professionista importante, ha creato tanto della sua figura qui a Napoli, tra Europa League e Champions League è stato ovunque. Se magari si presentasse l’Anzhi direbbe no grazie, se si interessasse il Real Madrid o il Barcellona è logico che dica grazie. Lui sa che ha un contratto, un obbligazione, quindi anche lui avrà la capacità di essere ambasciatore educato di sé stesso qualora volesse andare via. Inoltre, c’è la clausola rescissoria, e su quella non si può fare nulla. E non è detto che al Real Madrid sia una prima donna come lo sia qui, basti vedere ciò che sta succedendo alla Confederations Cup. Napoli per Cavani è una culla vera, qui sente serenità ed esprime il suo valore. Il Manchester City non ha i soldi per pagare la clausola da 63 milioni per Cavani. Chelsea? Nessuno mi ha chiamato”, le parole del presidente De Laurentiis.

SHARE