SHARE
Logo-Fondazione-Taras1
Da più di un anno c’è una bella realtà a Taranto. Un’iniziativa che avvicina i tifosi alla propria squadra del cuore. Un azionariato popolare che coinvolge più di 1200 soci e che fin dalla data di fondazione ha svolto un grandissimo lavoro.
La Fondazione Taras 706 a.C., il Supporters Trust del Taranto FC, è stata infatti fondamentale per la salvaguardia del calcio a Taranto. Basti pensare che il calcio nella città pugliese ha rischiato la scomparsa con la mancata iscrizione dell’ Associazione Sportiva Taranto Calcio al campionato di Lega Pro Prima divisione a causa di un pesante dissesto economico. L’anno scorso la volontà e l’attività della Fondazione, accanto a imprenditori locali, ha permesso l’iscrizione del Taranto FC, nuova società (Taranto F.C. 1927 s.r.l.) creata il 20 luglio, al campionato di serie D.
Ecco come è nata l’iniziativa:
Siamo dei semplici tifosi come voi e abbiamo un sogno, lo stesso sogno, la stessa passione e lo stesso amore che ci ardono dentro, quello per il Taranto e per la città di Taranto, per la tarentinità, l’orgoglio e la fierezza di esserlo a testa alta. Sogniamo che un giorno questa città si sollevi dalla sua mediocrità per tornare agli antichi splendori. Dunque una nuova “Fondazione” di Taranto, di qui l’ispirazione del nome scelto per l’Associazione di Promozione Sociale: “Fondazione Taras 706 a.C”, un nome altisonante che sottende la creazione di una Casa Taranto. Un progetto fatto di persone, un laboratorio di idee aperto a tutti, dove il tifoso non delega più ma diventa protagonista per costruire insieme il futuro del Taranto. La città di Taranto e il Taranto, una simbiosi inscindibile.  In una città per troppo tempo divisa in fazioni, abbiamo voluto affrontare una scelta controcorrente, se vogliamo coraggiosa, unendo sensibilità diverse, nel segno del Taranto, l’unico soggetto capace di unire tutti trasversalmente sotto un’unica bandiera. Crediamo inoltre che lo sport, in particolar modo il calcio, possa diventare un motivo di forte aggregazione sociale e di partecipazione per tutti i tarantini, anche per iniziative a sfondo sociale e ambientale. Riteniamo che questo sogno, sia il sogno di tutti, uniamoci e prepariamoci a scrivere la “Storia”.
E ora arriva un’altra grande soddisfazione per il Supporter Trust. L’assemblea degli azionisti ha deliberato la delega all’associazione di promozione sociale per la gestione di un accurato piano di sviluppo del settore giovanile, approvato nel corso dell’assemblea che si è svolta Venerdì 28 Giugno.
L’associazione di tifosi, protagonista del salvataggio del calcio tarantino nel corso della scorsa estate(dettagli qui) e proprietario del 10% delle quote(dettagli qui), raggiunge un importante obiettivo, fondamentale per le strategie di investimento e crescita nel medio-lungo periodo del club, che rappresenta uno dei pilastri alla base della propria attività di SupportersTrust: “tutelare la crescita e lo sviluppo dei settori giovanili calcistici in modo da permettere alle nuove generazioni di praticare liberamente il gioco del calcio”.
La delega rappresenta un importate passo anche verso la missione dell’associazione, rivolta alla comunità di riferimento del club, che punta a valorizzare le risorse del territorio con l’obiettivo di creare un modello innovativo, sostenibile, coinvolgente, che abbia radici nella realtà locale per riavvicinare la comunità tarantina alla sua squadra di calcio e che consenta a tutti gli attori di essere parte attiva della rinascita della società dopo il travagliato finale della stagione 2011/12.
I piani di sviluppo del progetto, presentati a Maggio in occasione della precedente assemblea che avevano riscosso consenso e interesse da parte di tutti i presenti, mirano al coinvolgimento trasversale degli associati, di imprese e delle istituzioni locali nelle future attività, il settore sarà comunque ‘internalizzato’ nel Taranto FC 1927, sotto la supervisione del direttore generale Domenico Pellegrini, con la panchina della juniores affidata ancora a Michele Cazzarò.
L’attività del Trust si arricchisce così di un importante nuovo capitolo da scrivere, tra i tanti forse quello con maggiori responsabilità, ma nello stesso tempo quello che consentirà forse di togliersi delle grandi soddisfazioni tra qualche anno, magari vedendo correre sui campi dei professionisti qualche giovane cresciuto grazie al loro lavoro nel settore.
fonte: http://infoazionariatopopolarecalcio.blogspot.it/
SHARE
Previous articleIl mago Bargnani arriva nella grande mela
Next articleBendtner si riscopre gioielliere ma fallisce anche lì
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85