SHARE

NestaIMFCAd un anno dal commosso saluto al Milan, il difensore italiano ha rilasciato un’intervista a Marca.com: ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio.

La stagione in corso sarà l’ultima per Sandro Nesta sui campi di calcio. Il formidabile difensore italiano, passato lo scorso anno a difendere i colori del Montréal Impact in Canada, ha annunciato il suo ritiro dall’attività agonistica. L’obiettivo dell’ex azzurro è quello di chiudere la sua straordinaria carriera con l’ennesimo successo. Il Montréal Impact, trascinato dal nucleo italiano composto, oltre che dall’ex rossonero, da Di Vaio, Ferrari, Paponi e Pisanu, guida la classifica della MLS con 30 punti :

Voglio vincere la Major League Soccer, è un obiettivo che mi sono posto prima di chiudere. La mia avvenutra qui sta andando molto bene, ormai mi sono ambientato… quando sono arrivato era tutto nuovo per me, ora il mio inglese è migliorato e posso comunicare meglio con i miei compagni di squadra e con l’allenatore (Marco Schallibaum) che è una persona molto preparata: ci ha dotato di una mentalità vincente, soprattutto fra le mura amiche… Certo il calcio qui è diverso, soprattutto gli allenamenti e i viaggi, però non mi dispiace.”

Certo, disputare la MLS non è come giocare in Serie A col Milan. Tempesta perfetta però si rammarica dello stato in cui versa la prima serie italiana:

Non mi piace vedere il Milan e la Serie A in difficoltà economiche, le cose sono cambiate rispetto al passato: prima il Milan poteva spendere molto più di ora e questo, ovviamente, si fa sentire… in ogni caso resto sempre un tifoso dei rossoneri.

In chiusura, Nesta si complimenta con il Real per la scelta di Ancelotti:

“Non potevano scegliere di meglio, penso sia l’allenatore perfetto per il Real Madrid… al contrario di quanto sento dire in giro, Carlo non subirà minimamente la pressione della stampa spagnola”.