SHARE

roger-fallas-644x325

Qualche settimana fa si è giocata la sfida playoff per accedere alla prima divisione del campionato costaricano. Si sono affrontati AS Puma e Universidad de Costa Rica e tra i padroni di casa si è distinto Roger Fallas, in scadenza di contratto. Alla fine l’ha spuntata l’Universidad e subito si è messo al lavoro per costruire la squadra, per quella che a conti fatti, rappresenta la serie A della Repubblica dell’America Centrale.

L’approdo nella massima serie per molte società diventa più un problema che una gioia: costi che aumentano, stipendi che crescono e trasferte da sostenere (ci viene in mente la Longobarda del famoso film) così si cerca ogni mezzo possibile per acquistare giocatori validi. L’Universidad per cominciare ha chiesto informazioni sul calciatore tanto apprezzato in finale, quel Fallas che era quasi vicino allo svincolo. La risposta del direttore sportivo Rigoberto Chinchilla è stata spiazzante: “Ok, datemi 50 palloni e siamo a posto…”.

Lo sconforto per la sconfitta in finale? Un direttore con il vizio di alzare il gomito? Secondo quanto riporta “Radio Monumental” il trasferimento di Roger Fallas per 50 palloni da calcio è avvenuto senza alcun problema.  “Mi hanno chiesto quale fosse il problema con Roger – continua Chinchilla – Io ho spiegato che per noi si tratta di un ottimo giocatore e che ci tenevamo che potesse avere la possibilità di giocare in un club di prima divisione”.

50 palloni bastano e avanzano, poi vi faremo sapere se il calciatore realizzerà più gol di mister 64 milioni Edinson Cavani.

SHARE