SHARE

audi cup

MILAN-SAN PAOLO 1-0 (PRIMO TEMPO 0-0)

MARCATORI Kin. Boateng all’8’ s.t.

MILAN (4-3-3) Amelia; Zaccardo, Pacifico, Vergara (dal 1’ s.t. Iotti), Emanuelson; Poli (dal 18’ s.t. Traoré), Cristante, Nocerino; Niang (dal 24’ s.t. Constant), Petagna (dal 18’ s.t. K.P. Boateng), El Shaarawy (dal 1’ s.t. Kin. Boateng). PANCHINA Abbiati, Gabriel, Antonini, Muntari, De Jong, Pinato. ALLENATORE Allegri.

SAN PAOLO (4-1-4-1) Denis; Douglas (dal 1’ s.t. Lucas Farias), Lucas Silva, Edson Silva (dal 1’ s.t. Toloi), Reinaldo (dal 1’ s.t. Schmidt); Rodrigo Caio (dal 1’ s.t. Wellington); Silvinho (dal 17’ s.t. Roni), Maicon (dal 30’ s.t. Fabricio), Ganso (dal 17’ s.t. Jadson), Lucas Evangelista (dal 33’ s.t. Osvaldo); Aloisio (dal 17 s.t. Ademilson). PANCHINA Ceni, Ribeiro. ALLENATORE Autuori.

ESPULSI nessuno.

AMMONITI Poli (M) per gioco scorretto, Roni (SP) per c.n.r.

ARBITRO Perl (Schalk-Emmer/Ostheimer)

NOTE spettatori 65 mila circa. Tiri in porta 3-2. Tiri fuori 4-2. Angoli 7-2. In fuorigioco 0-0.

Dopo la sconfitta contro il City ci si aspettava una prova d’orgoglio da parte dei ragazzi di Allegri impegnati nell’Audi Cup. La finalina di consolazione è contro il San Paolo e viene vinta per 1-0 grazie al gol al 56′ di K. Boateng.

Il gioco è molto più compassato rispetto alla sfida contro il City di Pellegrini e il Milan nonostante i tanti cambi e i tanti giovani in campo riesce a gestire al meglio la partita. Nel primo tempo si torna al 4-3-3 con l’attacco baby El Shaarawy-Petagna-Niang. Con Vergara al centro della difesa c’è il Primavera Pinato, Zaccardo ed Emanuelson terzini. Il Faraone è decisamente in palla sulla sinistra e Poli si conferma un ottimo acquisto per il centrocampo rossonero. Le occasioni si contano sulle dita di una mano: prima Ganso, ma Amelia si esibisce in una bella parata, e poi Petagna che coglie la traversa con un tocco morbido.

Nel secondo tempo entra Kinsley Boateng e decide il match. Dopo 7 minuti raccoglie il lancio di Emanuelson, piattone vincente e palla in rete.  Il San Paolo non impensierisce più di tanto e permette alla retroguardia rossonera di chiudere il match con la porta inviolata. Ottimo test per valutare i giovani a disposizione di mister Allegri che hanno retto bene il confronto con i brasiliani. Ora il Milan si trasferirà negli Stati Uniti per il prosieguo della Guinness International Champions Cup, dove incontrerà la vincente tra Inter e Chelsea.