SHARE

Louis BlakeQuando si parla di FA Cup, il torneo calcistico più antico del mondo con oltre 700 squadra partecipanti, ci si può aspettare veramente di tutto.

Quello che è accaduto nel match tra il Croydon Athletic e i Colliers Wood per l’Extra Preliminary Round ha veramente del clamoroso. Al 20’ minuto di gioco il direttore di gara ha chiesto al centrocampista del Croydon Louis Blake di togliere lo scaldamuscoli, irregolare perché dello stesso colore del pantaloncino della squadra avversaria. Blake, come gli era stato ordinato, è uscito dal campo e ha tolto l’indumento sotto accusa ma l’arbitro, non avendo visto l’operazione, ha chiesto al giocatore di dimostrare la rimozione. Di tutta risposta il centrocampista inglese ha abbassato completamente i calzoncini mostrando all’arbitro, e a tutti i presenti, le sue parti intime. Il direttore di gara non ha avuto dubbi, cartellino rosso.

“Ero sbalordito, sconvolto e arrabbiato. Ho appena tirato giù i pantaloncini per fargli vedere che non c’era nulla e mi ha espulso. In che altro modo potevo dimostrare che non c’era nulla sotto? Tutto ciò che mi interessava era fare una buona impressione al mio debutto, e invece adesso probabilmente dovrò saltare tre partite”. Sono state queste le parole di Blake a fine partita per commentare quella che, a sua detta, è stata una clamorosa ingiustizia. Per la cronaca i Colliers hanno superato il turno battendo i Croydon, ridotti in 10, per 6-2.