SHARE

podio spa 2013La difficoltà nel trovare parole per descrivere le prestazioni di Vettel è testimoniata dalle poche righe che riesco a mettere accanto al suo nome, spicca però un bel 10. Vediamo gli altri.

Sebastian Vettel 10: Incommentabile oramai. E’ un monologo il suo. Davvero senza parole. Il Mondiale è suo, di nuovo.

Fernando Alonso 9: L’asturiano sfodera una prestazione stupenda. Con una macchina in decisa difficoltà riesce a piazzarsi davanti ad avversari di deciso valore. Il sogno Mondiale è molto lontano, soffre un ritardo di 46 punti, in pratica due Gp, davvero tanti da rimontare in così poco tempo e contro avversari di tale spessore. La “cazziata” del Presidente Montezemolo sembra essere servita davvero tanto, che sia un’inversione di tendenza duratura? Lo scopriremo.

Lewis Hamilton 8: Conquista la quarta pole consecutiva ma non riesce a metterla a frutto. Beh, l’è dura contro avversari come Vettel e Alonso. Il primo gode, oltre che di un talento fantastico, di un’auto imbattibile, sempre a punti, mai in calo. Il secondo ha una fame di vittorie insaziabile. Il suo merito principale è quello di aver riportato ad alti livelli la squadra Mercedes, cosa in cui non era riuscito nemmeno il 7 volte campione del Mondo Schumi. C’è da dire che lo sviluppo Mercedes è stato di certo favorito dalla possibilità di collaudare pneumatici Pirelli in esclusiva, cosa che ancora non riusciamo a spiegarci come possa essere passata senza penalizzazioni.

Nico Rosberg 7.5: Quest’anno sta raggiungendo livelli davvero discreti, continua ad essere un pilota incompiuto, ma di certo ha collezionato risultati di prestigio. Gode di un’auto decisamente migliorata rispetto alla scorsa stagione, ma questo miglioramento è da attribuire unicamente al suo doppio in Mercedes.

Mark Webber 8: Stimo troppo questo pilota. Onestissimo nella guida, ma sembra soffra di sfiga cronica, stessa auto di Vettel, ma sembra abbiano scaricato a lui tutte le rogne. Ha avuto un paio di volte un’occasione mondiale, ma è stato sempre scalzato per necessità di scuderia. Futuro pensionato d’esperienza è stato già sostituito in RedBull dall’italo-australiano Ricciardo.

Jenson Button 8.5: Chi non muore si rivede. Riporta finalmente la sua auto in posizioni di successo. La sua auto ha di certo beneficiato delle curve di Spa ma aspettiamo a rimetterlo nel “gotha” dei piloti, spero possa ripetersi.

Felipe Massa 7: Bravo, non eccezionale, ma bravo, quanto meno porta a casa punti in chiave Mondiale. Aspetto con impazienza il suo sostituto, se è finlandese è meglio.

Paul di Resta 7: Fino al carambolone, causato da Maldonado, era stato decisamente positivo. Sfortunato.

Kimi Raikkonen 5: Gara strana. E’ stato danneggiato fin dalla partenza da problemi ai dischi freno, che lo hanno costretto a galleggiare in posizioni di rincalzo per la maggior parte della gara. Fin quando ha dovuto ritirarsi, mettendo termine a quella sequenza di 39 Gp sempre al traguardo.

Vettel ha un vantaggio incredibile. Non penso possa dissiparlo. Monza ci darà ulteriori certezze.