SHARE

KagawaLa curiosa iniziativa dei tifosi del Borussia per far tornare il talento Shinji Kagawa alla base impazza in rete ed è stata evidenziata da ilfattoquotidiano.it. L’intento dei tifosi gialloneri è chiaro: liberare il nipponico dalla “prigionia” del Manchester United e riportarlo a Dortmund.

L’hastag #FreeShinji inserito in ogni post scritto su Facebook o Twitter. Questo il curioso tentativo di riportare alla base il giocatore giapponese effettuato dai sostenitori del Borussia Dortmund. Una vera e propria campagna mediatica partita qualche giorno fa a cui hanno aderito ormai milioni di persone in ogni angolo del globo: non solo residenti in Giappone e Germania, ma anche negli Stati Uniti e in Sudamerica.

Shinji Kagawa, centrocampista giapponese di 25 anni, era arrivato a Dortmund dal Cerezo Osaka nel 2010 e, in due anni, è stato capace di condurre i gialloneri a vincere due scudetti e una coppa di Germania, fino a che nell’estate del 2012 è passato al Manchester United per 16 milioni di euro circa. Da questo momento in poi di lui si son perse le tracce. Poche presenze con Ferguson e, fra l’altro, in incontri di poco conto. Con l’arrivo di David Moyes in panchina, poi, le cose sono addirittura peggiorate: per il nipponico solo 7 minuti in Supercoppa finora. Uno sfregio, a detta dei tifosi gialloneri, al suo talento cristallino.

Di qui l’iniziativa dei tifosi, capaci di creare un vero movimento (il #FreeShinji) con tanto di leader e affiliati. Tra i tanti post si distinguono quelli di chi vuole organizzare un flashmob in suo onore, chi ritiene che preferirgli Cleverly a centrocampo sia un “crimine contro l’umanità” e chi ancora lo ritiene imprigionato “in un campo di prigionia scozzese, prima da Ferguson e ora da Moyes, come fosse un ricordo della seconda guerra mondiale”. Insomma una campagna mediatica che è diventata, in pochi giorni, virale e non smette di reclutare adepti.

Sembra addirittura che la notizia sia stata riportata anche dai telegiornali giapponesi. Basterà per far uscire Shinji da dietro le sbarre, come riporta l’icona dell’iniziativa #FreeShinji creata su Twitter?