SHARE

under 21

Voglia di rivalsa per gli azzurrini di Di Biagio, che dopo la bruciante sconfitta subita in casa contro il Belgio vola a Cipro alla ricerca dei primi tre punti in questo girone di qualificazione. Rispetto alla gara di Rieti, Zappacosta e Frascatore partono dal primo minuto sulle due fasce, mentre Crisetig affianca Baselli in mediana. Esordio anche per Fossati, preferito a Gatto.

PRIMO TEMPO– La partita è influenzata dal gran caldo: i circa 40 gradi di Nicosia abbassano incredibilmente il ritmo giocando a favore dei ciprioti. I padroni di casa fanno le barricate, ma sono aggressivi quanto basta per interrompere sul nascere tutte le trame imbastite da Baselli e Crisetig. Mai un tiro in porta neutralizzato da Bardi, ma neanche gli azzurri riescono a rendersi pericolosi. Si va al riposo con i soli Belotti e Battocchio che provano, senza successo, ad insaccarla di testa.

SECONDO TEMPO- Il gioco italiano migliora vistosamente grazie ai giocatori subentrati dalla panchina, come successo d’altronde anche contro il Belgio. Fedato rileva un non irresistibile Fossati e, dopo un batti e ribatti davanti alla porta cipriota innescato da un cross di Zappacosta, mette dentro il gol dell’1 a 0. Ottima la partita del giocatore del Bari che, in coppia con Longo, manda più volte nel pallone la difesa avversaria. I giocatori di Cipro si fanno vedere soltanto una volta dalle parti di Bardi, con un tiro di Englesou facilmente respinto dal portierone del Livorno. Entrano anche Improta e Molina, ma la partita sembra ormai chiusa con gli azzurri in controllo. Un’ultimo svarione difensivo dei padroni di casa porta proprio il neo entrato Improta a smarcarsi al centro dell’area, e a battere il portiere isolano con un lento ma preciso destro.

Due reti e tre punti per i ragazzi di Di Biagio, che possono finalmente esultare con la consapevolezza che c’è ancora margine per crescere molto e migliorare dal punto di vista della condizione e del gioco.