SHARE

casillas

di Giuseppe Barone

Con il termine della scorsa travagliata stagione passata tra infermeria, guerre mediatiche con Mourinho e tanta, tanta panchina, si pensava che il calvario di Iker Casillas potesse essere giunto alla conclusione.

Non è stato cosi, dopo l’addio di Mourinho e l’avvento di Ancelotti non è cambiato praticamente nulla; Casillas pensava di poter convincere il tecnico di Reggiolo a concedergli una nuova chance da titolare nel Madrid, ma la scelta dell’allenatore italiano è la stessa di Mou: Diego Lopez fra i pali e Iker in panca.

Iker Casillas dopotutto è ancora il capitano dei blancos, in cui milita da tutta una vita( 15 stagioni al Real) e della nazionale iberica campione del mondo e d’Europa in carica, quindi un calciatore del suo calibro non può di certo accontentarsi di fare la comparsa per un’altra stagione.

Casillas che teme di perdere il posto da titolare con la Spagna per i mondiali in Brasile ha già messo in pre-allarme il club chiedendo di essere ceduto nella finestra invernale di mercato in caso di mancati cambiamenti.

Florentino Perez, che con il calciatore ha un rapporto speciale, sembra intenzionato ad accontentarlo dando il via libera ad una cessione dolorosa del portiere spagnolo verso lo United di Moyes, non pienamente convinto da De Gea, o ai vice-campioni d’Europa del Borussia Dortmund per la gioia del “mago” Klopp.