SHARE

sinisa

di Giuseppe Barone

E’ ufficiale Mario Balotelli può essere considerato il miglior rigorista al mondo dopo l’ultimo rigore messo a segno con la maglia del Milan al 96’ del difficilissimo match contro il Torino. Ormai non è più un caso o semplice fortuna. Super Mario, da quando è diventato un calciatore professionista non ha mai commesso un errore da quegli undici metri che per molti grandi campioni del passato, vedi Baggio e Shevchenko, sono stati fatali.

Il centravanti del Milan e della nazionale è arrivato a quota 21 su 21 con una media realizzativa del 100%; a confermare la sua bravura c’è anche l’importanza dei rigori calciati e la conseguente pressione che gli gravava sulle spalle al momento del tiro: vedi quello realizzato al 96′ contro il Torino o il rigore ai quarti di finale dello scorso Europeo contro l’allora compagno di squadra Joe Hart.

Ma quando Mario Balotelli ha imparato a calciare così bene i rigori?

Il segreto ce lo svela Sinisa Mihajlovic, che intervenuto a “GazzettaTv”, ha spiegato perché Balotelli è diventato il numero uno dagli undici metri: “All’inter abbiamo speso molto tempo per fargli capire come tirarli. O calciava forte ma impreciso o preciso ma lento: con il tempo ha imparato. Ma molte volte mi sono fermato alla Pinetina per spiegargli come calciare”.