SHARE

sakho

 Mamadou Sakho, il difensore più costoso della storia del Liverpool, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del “Daily Maily”, dove ha parlato della sua infanzia e della sua vita prima di entrare nel mondo del calcio.

“Sono cresciuto in una zona di Parigi che non è tutta rose e fiori. La vita nel quartiere era abbastanza dura e dovevi metterti in gioco per guadagnare rispetto“, ha dichiarato il difensore francese.

Poi ha aggiunto: “Quando avevo 14/15 anni ho cercato di impormi sui giocatori intorno a me. Alcune volte lo facevo verbalmente, altre fisicamente. Poi mi è stato spiegato che dovevo concentrarmi e prestare attenzione alle regole, altrimenti sarei stato nei guai. L’ho fatto ed è stato per il mio stesso bene. Questa fase della mia vita è iniziata prima della morte di mio padre, ma dopo quell’avvenimento ho deciso di fare un passo indietro e di concentrarmi sulla vita da professionista”.

Il duro lavoro ha subito fatto di Sakho uno dei giocatori più in vista nel campionato francese, che però ha abbandonato per provare una nuova avventura in Inghilterra.

Proprio il giocatore ha parlato della sua decisione e della scelta di trasferirsi al Liverpool per rilanciarsi a livello mondiale.

Lasciare Parigi è stato un grande passo per me.  Sono stato al PSG da quando avevo 12 anni ma c’è un momento nella vita di ogni professionista in cui si devono fare delle scelte importanti”.

Volevo imparare nuove cose e tuffarmi in una nuova cultura e quando si è presentata l’occasione di passare al Liverpool sono stato subito convinto della decisione. Questa è una nuova pagina della mia vita e voglio lasciare il segno”.

Ora sta a lui dimostrare il suo vero valore e guadagnare il posto da titolare alla corte di Rodgers.