SHARE

Lorenzo-Insigne-2278083

Più sono grossi, più fanno rumore quando cadono. Questo detto potrebbe applicarsi alla perfezione all’errore dal dischetto di Mario Balotelli: dopo 21 centri su 21 tiri da professionista la striscia dell’attaccante bresciano si è infranta sul tuffo di Pepe Reina. Tutti a parlare dell’evento, e non poteva non scappare la domanda a Lorenzo Insigne, presente ad un evento per il lancio di FIFA 14  in quel di Napoli.

Ho detto a Reina di non muoversi, di stare in piedi – le parole dell’attaccante napoletano – perchè lui si sarebbe fermato prima di tirare. Mario mi ha sentito e ha detto che i miei consigli non servivano a niente, perchè lui avrebbe segnato: gli è andata male, Reina è stato bravissimo, gli ho fatto i complimenti“.

Una battuta anche su Higuain, che nel cuore dei tifosi partenopei ha già cancellato l’ombra di Cavani, uno da 100 gol in 3 anni: “Cavani voleva sempre far gol, è nel suo DNA, Gonzalo invece gioca molto di più per la squadra. E’ un grande campione che viene da un grande club. Con lui ho una grande intesa, come con Callejon ed Hamsik. De Laurentiis ha detto che sono il Totti del Napoli? Mi piace, ho faticato tanto per indossare questa maglia e non ho intenzione di mollarla“.