Lazio, la Uefa squalifica per un turno l’Olimpico per cori razzisti

Lazio, la Uefa squalifica per un turno l’Olimpico per cori razzisti

lazio

Nel mirino della Commissione disciplinare la partita con il Legia Varsavia quando i tifosi biancocelesti hanno esposto ”striscioni inappropriati” e usato materiali pirotecnici. Al club inflitta anche un’ammenda di 40mila euro. Il 7 novembre, contro l’Apollon Limassol, la squadra di Petkovic giocherà dunque a porte chiuse.

 

La Lazio, attraverso il suo avvocato Gian Michele Gentile, annuncia ricordo: “Abbiamo chiesto gli atti, dovrebbero arrivare domani o lunedì, e faremo ricorso appena possibile. Avevamo avuto un rapporto con la segnalazione del Fare (Football Against Racism in Europe) su pochi cori razzisti provenienti dalla curva Nord . Noi abbiamo replicato che non c’è traccia nei rapporto dell’arbitro e dei delegati Uefa”.

Anche l’anno scorso la Lazio fu punita dalla Uefa per razzismo. A gennaio fu inflitta una multa di 90 mila euro per la gara dell’Olimpico contro il Tottenham, poi, a fine febbraio, l’obbligo di giocare a porte chiuse due gare interne per gli episodi che avevano macchiato il ritorno dei sedicesimi col Borussia Moenchengladbach, prima contro lo Stoccarda, poi contro il Fenerbahce.