SHARE

Franco Lauro

Nonostante le dirette televisive delle partite di calcio 90° minuto conserva il suo fascino dal 1970. Durante Sorrisi e Palloni, condotto da Bruno Gaipa e in onda dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 16 su Radio Punto Nuovo, è intervenuto il conduttore dello storico programma Franco Lauro, che si cala subito nel match clou del prossimo turno:

Roma-Napoli è un importante banco di prova ma non direi decisivo. La Roma, che non gioca le coppe, e il Napoli, costruito per confermarsi a certi livelli, già ai nastri di partenza si presentavano con certe caratteristiche. E’ una partita da tripla – prosegue il conduttore della Rai – ma alcun risultato cambierebbe le cose in chiave scudetto. Favorita per il tricolore? La Roma ha una grande possibilità, grazie ad un tecnico illuminato che ha restituito centralità ai suoi uomini di maggiore esperienza, Totti e De Rossi. I giallorossi non hanno le coppe e può, con un lavoro certosino di Garcia, preparare le partite meglio di tutti gli altri. Juve, Milan e Napoli hanno la Champions, Fiorentina e Lazio l’Europa League. Tutte, poi, cercano di fare risultato in queste competizioni e non di certo con il minimo sforzo. Per questo la Roma ha dalla sua un vantaggio. Il Napoli ha un organico abbastanza completo, ha la mentalità internazionale che ha portato Benitez, aggiungendola a ciò che aveva già dato Mazzarri. Il tecnico – afferma Lauro – ha cercato intelligentemente di dare subito un ruolo anche a chi poteva partire in secondo piano.” Un Napoli che punta alla vetta cercando anche di ben figurare in Champions: “Le scelte di mercato ci dicono che il Napoli punta a fare bene in Europa. Lo si vede dagli acquisti di Higuain, ma anche dalle trattative per Mascherano, Gonalons. Tuttavia, i margini del Napoli credo che siano ancora ampissimi, mentre la Roma è partita a razzo e conferma di essere in grande forma atletica avendo vinto tante gare nei secondi tempi. La Roma sembra, al momento, la favorita ma bisogna vedere quando il Napoli sarà al top cosa accadrà.” L’ospite di Radio Punto Nuovo conclude ringraziando gli ascoltatori di 90° minuto, un pezzo di storia che continua a farsi strada: “Nonostante il calcio spezzatino continuano a seguirci facendosi registrare dei record. Anche domenica, nonostante gli anticipi di Inter e Roma e i posticipi di Juve, Milan e Lazio, abbiamo registrato grandi ascolti.”