SHARE

Pk Nationalmannschaft

Il cammino di Ozil con la maglia dell’Arsenal è iniziato nel migliore dei modi, con la squadra pronta e al top della classifica di Premier League. Il tedesco ha lodato tutti, dai compagni di squadra al tecnico, dichiarando di trovarsi alla grande in questa nuova avventura dopo tanti anni di Madrid.

Parlando alla conferenza stampa della Nazionale tedesca, Ozil ha cercato di evitare domande relative alla sua partenza dal Real, focalizzandosi sulla sua nuova vita.

“Ho passato tre anni fantastici a Madrid e quello sarà il nostro ricordo. Ora sono felice di essere un giocatore dell’Arsenal e non voglio parlare più del mio trasferimento.”

Una nota dolente sottolineata dal trequartista  è stata ‘l’iniziazione’ come giocatore dell’Arsenal. Nella squadra londinese ogni nuovo arrivo deve cantare una canzone di fronte al suo pubblico, cosa che Mesut non ha gradito più di tanto.

“Non lo voglio fare mai più. La mia voce non è degna e non sono un candidato di X factor. Ho cantato una canzone turca e ovviamente nessuno ha capito una parola, ma mi hanno celebrato lo stesso come una star e questo è stato bellissimo.”

Ozil-620x330

Ha continuato poi parlando della sua vita a Londra, città in cui non tutti si trovano a proprio agio.

“Londra è una città bellissima e mi trovo benissimo qui, ho anche visitato molti posti in questo poco tempo iniziale.”

“Ho iniziato anche a guidare ‘all’inglese’ ovviamente. Pensavo fosse più difficile ma in realtà non ho avuto tanti problemi anche perché Mertesacker mi ha dato lezioni di guida.”

Il giocatore è tornato infine sulla squadra e sul campionato, che sembra uno dei più duri del mondo.

“La squadra e lo staff mi sostengono, mi permettono di assumermi responsabilità e io mi sento benissimo qui. Wenger è un coach bravissimo che ha idee chiare per la sua squadra e tira fuori il meglio dai suoi giocatori.”

“Penso che la Premier League sia il campionato più bello del mondo perché è molto equilibrato e tanti club giocano sullo stesso livello. E’ anche un bene per me conoscere la cultura inglese e la lingua, in modo da crescere anche come uomo.”

Ozil, nella partita in cui si incontreranno Germania ed Irlanda, metterà a segno la sua cinquantesima presenza in Nazionale.

“Sono contento di raggiungere 50 presenze e ringrazio l’allenatore della Nazionale per aver avuto fiducia in me. Sono contento delle performance che ho fornito alla squadra e la cosa bella è che la squadra mi sostiene. Sono contento di giocare per la Germania e il numero delle presenze riflette l’impegno che metto in ogni partita per la mia squadra.”