SHARE
castaldi
Il workshop di Castaldi (a destra) presso la fumetteria Exit di Macerata, foto di

Durante l’Overtime Festival di Macerata l’artista del fumetto italiano Paolo Castaldi ha tenuto un seminario sul fumetto e sulla sua graphic novel titolata Diego Armando Maradona: durante il workshop ha raccontato il particolare procedimento di raccolta delle fonti e le sue personalissime sensazioni su come è stato vissuto il fenomeno del Pibe de Oro non solo a Napoli, ma in tutta l’Italia.

La domanda alla base della storia raccontata da Castaldi (che, ricordiamo, non parla di Maradona ma dell’impatto della sua persona su Napoli e i napoletani) verte proprio sul perchè Dieguito abbia significato così tanto per un intero popolo: “Negli anni ’80 Napoli era una città in ginocchio a causa del recente terremoto e della criminalità organizzata: per i napoletani il fatto che un campione come Maradona avesse scelto di prendersi sulle spalle la loro città era un orgoglio, una specie di rivalsa sociale su tutte le difficoltà che affrontavano durante la settimana”.

Quindi c’è stato il procedimento di documentazione, importantissimo per redigere un’opera, che sia a livello letterario o fumettistico: “Da Milano, dove vivo, sono andato molto spesso a Napoli, a chiedere in giro alle persone cosa ha significato per loro Maradona: chiedevo a chiunque, dalla gente per strada al barista che mi serviva il caffè. La cosa che più mi ha colpito è stata che, durante il tour nel quale ho presentato il mio libro, ho ricevuto moltissimi riscontri positivi anche in piazze ostili agli azzurri, ad esempio Torino e Verona: questo dimostra che Diego è un campione che unisce tutti, a prescindere dalla fede calcistica”.

Il libro sviscera diverse tematiche sociali negli 11 capitoli, 11 come i tocchi con cui Maradona ha annichilito l’Inghilterra nel Mondiale di Messico ’86, anche con immagini forti: ad esempio nel quarto capitolo, quello che parla proprio della storica partita di cui sopra, c’è Diego, il “Dio” dei napoletani, che incontra la vera divinità, vestita da contadino, mestiere che secondo l’autore rappresenta la nobiltà d’animo.

Per approfondire l’esperienza sulla graphic novel di Castaldi vi invitiamo a leggere il nostro episodio di a Football Tale dedicato proprio a questo fumetto.

SHARE