SHARE

allegri conferenza 2014E’ da poco terminata la conferenza stampa di Massimiliano Allegri alla vigilia di Milan-Udinese. Ecco le dichiarazioni del tecnico rossonero evidenziate da MaiDireCalcio:

“Balotelli è un personaggio mediatico, oltre ad essere un grandissimo giocatore. Bisogna che impari a gestire nel migliore dei modi la sua vita. Deve capire velocemente che non è un ragazzo di 23 anni uguale agli altri. Deve lavorare e fare dei sacrifici. Twitter? Proibirlo è impossibile, non abbiamo queste grosse problematiche. Come in tutte le cose ci vogliono delle regole: con delle regole scritte e condivise il problema è risolto. Domani avrei preferito la gara coi tifosi e con Mario. Lui non c’è, è la quarta gara che salta. Lunedì i dottori valuteranno il da farsi e vedremo se sarà disponibilie per martedì. La partita di martedì è molto vicina: se ce l’avremo tanto meglio, altrimenti faremo senza. La partita più importante è quella di domani sera, siamo 12esimi in classifica. Non sarà facile: nel corso degli anni l’Udinese ha fatto sempre ottimi risultati. Ha finito sempre il campionato in crescendo nonostante vendano i migliori giocatori. Guidolin è un bravissimo allenatore, che ti fa giocar male. Poi c’è Di Natale che è sempre pronto a fare gol. Ci vorrà pazienza e limitare le sue caratteristiche migliori. La formazione? Andremo in campo in 11. Dovremo ridurre gli errori che stiamo facendo e pagando a caro prezzo. La squadra è concentrata. Siamo stati un giorno in più insieme, non è stato un ritiro punitivo. La giornata è servita per vedere alcune situazioni che abbiamo sbagliato. L’anno scorso alla ripresa del campionato abbiamo giocato con De Sciglio centrale, col Siena. E abbiamo fatto una bella partita. Domani si vince col gruppo, con la squadra. Il calcio è un gioco di squadra, è la squadra che esalta il singolo. Kakà?  Ha al massimo mezz’ora nelle gambe, ha giocato 25 minuti mercoledì. E’ un recupero graduale il suo. Oggi siamo più avanti sotto il piano del gioco rispetto allo scorso anno. Se abbiamo 13 gol è perché abbiamo sbagliato qualcosa, ma è impensabile fare 4 gol a partita. E’ difficile vincere. Dobbiamo lavorare meglio in alcune situazioni, lavorare più di squadra. Il gioco è molto più avanti rispetto all’anno scorso. Rami? E’ un giocatore importante, internazionale e di grande personalità e con grande carattere”.