SHARE

Valentino-Rossi-MotoGP-Motegi-2013

Dopo il tifone, la centrale nucleare, la nebbia e il terremoto, si è potuta correre la qualifica al Gp di Motegi. Sessione di 75 minuti per recuperare le prove non effettuate e modalità di qualifica classiche, con tutti a cercare il tempo negli ultimi giri. La pista bagnata non ha aiutato a tenere i tempi bassi, ma quanto meno ci ha permesso di vedere alcune curiose novità.

Jorge Lorenzo riconferma la sua voglia di rincorrere il Mondiale fino alla fine. Con le sue traiettorie pulite e la guida pulita, riesce a dar la paga a tutti. Marc Marquez è si secondo, ma a 6 decimi. Un’enormità. Il talentino spagnolo paga la mancanza di setting e la sua frenata aggressiva che non paga su una pista allagata.

Parlavamo di sorprese ed eccola lì. La Ducati di Hayden in terza piazza. La pioggia fa sempre miracoli si sa. Speriamo di vedere una gara altrettanto miracolosa. Seconda fila con Pedrosa, Valentino Rossi, e Dovizioso. I tre sono abbastanza lontani come tempi da Lorenzo, ma non disperano. La pista bagnata è sempre pronta a regalare sorprese.

Buon esordio per l’aretino Scassa che su questa pista non aveva mai girato e che sta trovando sempre più visibilità in un Mondiale di giganti.

892979_10151921818505155_1904744161_o