SHARE

de sanctis

Continua il momento magico della Roma di Garcia, che mette in fila la nona vittoria consecutiva, lasciando anche questa domenica solo le briciole alle inseguitrici, che sono già a meno 5, anche in un match meno brillante del solito e che per giunta non si era messo benissimo a causa dell’espulsione di Maicon. A sorprendere maggiormente a questo punto non è l’ennesima vittoria della squadra, ma la tenuta difensiva dei giallorossi che hanno subito la miseria di un gol in 9 gare scoraggiando, e non poco, le velleità di rimonta delle inseguitrici. Ma come si può spiegare un rendimento così alto del reparto arretrato peraltro teoricamente uscito indebolito dal mercato a causa della cessione di Marquinos?

Una nota di merito è dovuta al portiere Morgan De Sanctis che a suon di parate, non solo ha blindato la porta in 8 gare su 9, ma soprattutto ha ridato grande forza ad un reparto che negli ultimi anni ha peccato parecchio. Si esatto è lo stesso Morgan De Sanctis che lo scorso anno fu aspramente criticato dai suoi ex tifosi del Napoli; chissà che non lo abbiano rimpianto quando nel match dell’Olimpico fra giallorossi e azzurri, Morgan fermò più volte le incursioni dei partenopei.

RECORD – De Sanctis ora è a caccia di un record importante di imbattibilità: nella stagione 2003/04 la Roma si arrese solamente a un Milan stellare, giocò una grande stagione e arrivò seconda alle spalle dei rossoneri. E’ stato anche uno dei rarissimi casi in cui la squadra con la miglior difesa non ha poi vinto il titolo. Quella stagione è anche ricordata per il record di imbattibilità di Pelizzoli, fermatosi a 774 minuti. Oggi Morgan è fermo a 591 minuti senza subire gol e nel mirino ha proprio il record del collega, Pelizzoli, anche se c’è anche da dire che senza il gol incassato contro il Parma ad opera di Biabiany, il record sarebbe già polverizzato. Nel caso in cui, nelle prossime due gare la Roma non dovesse subire reti, ecco che Morgan De Sanctis entrerebbe di diritto nella storia del club giallorosso, e sperano magari i tifosi romanisti, che lo faccia anche con un tricolore cucito sul petto.