SHARE

benitez NAPOLI

Conferenza stampa alla vigilia del big match di mercoledì sera Fiorentina – Napoli. Ecco le parole di Rafa Benitez:

“E’ una partita importante come tutte quelle del campionato. E’ importante perché siamo entrambe vicine al top della classifica, è una squadra di qualità ma tutte le partite saranno così fino alla fine. Se tutte vincono è normale avere partite importanti, vediamo dove sono loro, sono forti ma è una partita importante come le altre.

Pirlo unico italiano al Pallone d’Oro? Ho trovato il calcio italiano difficile, sembra abbia più qualità vedendo i giocatori di livello delle squadre in cima alla classifica. Limitare la Fiorentina? Una squadra per avere equilibrio deve fare bene la fase offensiva e difensiva, proviamo a farlo ogni settimana e se ci riusciamo significa che bisogna avere più controllo della partita, non solo possesso ma bisogna essere forti anche nella fase difensiva.

Bilancio dopo 5 mesi a Napoli? Positivo al cento per cento, abbiamo subito solo una sconfitta e un pareggio in campionato, ma non sono solo i risultati anche come gioco, si è parlato di crescita e si vede che la società lo è, sembra tutto positivo. Mancato il colpo del ko domenica, aspetto da migliorare? Quando allenavo in Inghilterra si parlava di passione, di atteggiamento, qui si parla di cattiveria. Si sente in ogni partita e conferenza stampa, chiudere le partite è importante e se lo facciamo sarà sempre tutto più facile anche gestire la rosa. Dobbiamo migliorare questo aspetto ma sono comunque soddisfatto perché il percorso è molto positivo. Mini tour de force? Sarà un momento importante, ma così come tra 2-3 mesi. Stando tutti vicini in classifica tutte le partite sono decisive. Fiorentina? Il gioco è basato sul possesso palla ma tende molto a verticalizzare.

Mertens esempio per gli altri? E’ un professionista, un giocatore di qualità con la mentalità giusta. Siamo una squadra che deve competere e abbiamo bisogno di tutti. Probabile turnover per Hamsik? Proviamo a fare il bilancio alla fine di ogni partita, vediamo come stanno i giocatori, come arrivano al 90° e vediamo chi potrebbe essere importante per un determinato match o per un altro. Guardiamo, decidiamo, Callejon ha la possibilità di giocare come Hamsik ma non posso dire chi inizia da titolare o no. Gonalons è l’acquisto giusto? Il mercato lo lasciamo a gennaio.

Cannavaro in crisi di fiducia? Non vedo nessuna crisi, quando parlo con Paolo va tutto benissimo. Lui è il capitano, è un esempio per tutti. Per me lavora benissimo e sono contento, poi dopo devo decidere. Perchè non gioca? Perché si gioca in 11. Napoli aiutato dagli arbitri? Due rigori solo per il Napoli, è una sorpresa per me sentire di destabilizzazione. Chi voterei come miglior allenatore del 2013? Jupp Heynckes, esempio, un signore e professionista: credo meriti di entrare nei primi 10 allenatori del 2013. Borja Valero? Il gioco di possesso dopo il Barcellona è il gioco più bello, noi abbiamo più possesso rispetto agli altri in Italia ma non è tutto, si deve migliorare la fase difensiva. La Fiorentina ha 2-3 giocatori spagnoli importanti ma non devo parlare troppo. Higuain quanto lontano dalla migliore condizione? In Nazionale ad agosto era già in forma, sta rientrando pian piano dall’infortunio. Può fare meglio ma non so la percentuale, è un giocatore di qualità, intelligente e non ha bisogno di essere al 100% per giocare bene, perché può fare la differenza.

Calendario della Roma favorevole? All’inizio abbiamo detto che c’erano 4-5 squadre che potevano lottare per lo scudetto e la Roma non è una sorpresa. Tutti sanno che è lì in cima e avranno più pressione. Ogni partita del campionato italiano è difficile ma ora sono i giallorossi a sentire la pressione, non Napoli e Juve. Ora tutti lavoriamo allo stesso livello. Cuadrado come Cerci? Non facciamo marcatura a uomo ma abbiamo più attenzione su particolari giocatori, se un giocatore è mancino e si accentra parliamo con il centrocampista. Seguire un unico giocatore a uomo non rispecchia il gioco del Napoli. Un giudizio su Fernandez? Sono contento delle sue prestazioni, non devo parlare troppo dei singoli. Manca ancora tanto, sta migliorando e deve continuare a lavorare così. E’ importantissima la competizione nella squadra, ha un atteggiamento giusto come gli altri, tra tre mesi posso rispondere, ma voglio più da lui”.

SHARE