SHARE

C_3_Media_1812541_immagine_obig

La decima giornata di Serie A regala al campionato italiano un record: 10 vittorie nelle prime 10 giornate, mai nessuna squadra nella storia ci era riuscita prima. La Roma riscrive la storia, e lo fa grazie ad una vittoria sofferta, ma anche meritata, grazie ad un gol dell’uomo più discusso, sul piede di partenza fino all’ultimo giorno di calciomercato, e adesso tornato a grandi livelli: Marco Borriello.

Il Chievo Verona, disperato, va a Roma chiaramente per difendersi e ripartire, nel primo tempo i clivensi riescono a non subire gol, ed instaurono un presidio permanente nella loro area. Sono poche le occasioni per i primi in classifica, fra queste un tiro di Strootman al 24′ respinto da Puggioni, e diverse occasioni ben orchestrate da Miralem Pjanic. Il primo tempo, noioso e lento, finisce su un prevedibile 0-0.

Nella ripresa non cambia molto la storia, la Roma continua a spingere, a far possesso palla, a cercare un buco nella difesa dei veronesi, senza però riuscire ad essere mai seriamente pericolosa. Il match cambia però quando Florenzi (subentrato al buon Marquinho al 59′) riesce ad entrare in area del Chievo, e a servire un ottimo cross per Borriello, che stacca, colpisce di testa ed insacca. Il ritorno al gol con la Roma, per l’attaccante napoletano è quanto mai importante. Il suo 17esimo gol in giallorosso consegna alla Roma un record storico, mantiene un ‘imbattibilità che dura da 12 gare di campionato (10 di quest’anno, 2 dell’anno scorso), mantiene ancora la Roma la squadra con l’attacco più prolifico e la difesa meno perforata.

Il resto della gara è poca cosa, il Chievo non riesce mai ad essere seriamente pericoloso, e la Roma riesce a tener a freno gli avversari.
I giallorossi continuano a stupire, con una marcia incredibile che li pone a +5 su Juventus e Napoli.

SHARE