SHARE

BYVu6YcCAAELo8Y

La Juventus e il Real Madrid tornano in campo, stavolta nello scenario torinese dello Juventus Stadium, per dare vita ad una nuova battaglia in attesa anche del risultato della partita tra Copenhagen e Galatasaray

Lo scontro inizia subito in maniera vibrante, con le squadre che si affrontano con gli stessi moduli e che lasciano ampi spazi per le ripartenze dei fantasisti e degli attaccanti. La squadra di Ancelotti nei primi dieci minuti domina il campo e mette in apprensione la difesa bianconera con i tagli di Ronaldo e Bale; i padroni di casa, però, escono dalla brutta situazione e iniziano a macinare gioco, aprendo sulle ali e tornando al centro per finalizzare. Per una buona mezz’ora la Juventus ha l’iniziativa nelle mani e riesce ad arrivare in porta con continuità prima con Marchisio di testa, poi con Vidal e Pirlo dalla distanza. Il migliore dei Blancos è sicuramente Casillas, che sul colpo di testa ravvicinato di Marchisio compie un vero e proprio miracolo, tenendo in vita i suoi e lanciandoli per i contropiedi. Al 40′ arriva il tanto cercato goal da parte della compagine di Antonio Conte. Dopo un inserimento di Pogba, Varane entra in scivolata e abbatte il francese, regalando il rigore agli avversari. Vidal si presenta dagli undici metri e non sbaglia. La reazione dei ragazzi di Madrid è rabbiosa ma il primo tempo si chiude sull’1-0 in favore della Juventus.

La seconda parte della gara si apre con il Real Madrid all’attacco e la Juventus costretta a difendersi nella propria metà campo. Il copione è totalmente cambiato da quello del primo tempo e Ronaldo e Bale mettono subito in difficoltà la difesa bianconera che non riesce a tenerli sugli esterni. La squadra di casa fatica soprattutto nella costruzione del gioco e gli esterni vanno spesso in crisi non trovando un destinatario centrale per il passaggio semplice. Proprio in questo momento difficile, Caceres sbaglia un passaggio all’indietro, che viene intercettato da Benzema e portato in area di rigore, il pallone viene ceduto poi a Ronaldo che non sbaglia e porta i suoi al pareggio. Pochi minuti dopo, al 60′, arriva il raddoppio di Bale, che sfrutta il momento favorevole e semina il panico tra gli avversari, concludendo con un sinistro all’angolo sinistro del portiere. La Juventus però non demorde e ricomincia a costruire azioni d’attacco con pazienza e raziocinio, mettendo ancora una volta in difficoltà la difesa madrilena e chiamando in causa un superlativo Casillas. Al 65′ arriva il pareggio di Llorente, che colpisce di testa dopo il cross dalla trequarti di Caceres. Fino alla fine della gara, le squadre continuano ad attaccare e non si accontentano del pareggio, rendendo la partita ancora più bella e continuando a creare scompiglio da entrambe le parti del campo. La gara si chiude sul 2-2, con gli interpreti di gioco stremati e con i due allenatori che volevano i tre punti ma che non disdegnano un pareggio tutto sommato giusto.

La Juventus può ritenere ancora vive le proprie speranze di passaggio del turno grazie alla vittoria del Copenhagen contro il Galatasaray per 1-0.

SHARE