SHARE

Domenico-Berardi

TOP ELEVEN

TOP ELEVEN (3-4-3) Handanovic, Ranocchia Barzagli Avelar, Valero Pogba Alvarez Cerci, Palacio Berardi Callejon.

Fra i migliori di questa settimana troviamo Samir Handanovic, che ha difesa strenuamente i pali della banda di Mazzarri, ma menzioniamo anche Perin, autore di una prestazione maiuscola, mentre Buffon mantiene la rete inviolata per la terza volta di fila.

In difesa, oltre a Ranocchia andato a segno su gentile concessione di Brkic, troviamo la prova maiuscola di Barzagli (il 7 per un difensore, anche se senza gol e assist, è grasso che cola, soprattutto se giocate con il modificatore difesa). Bene anche Danilo Avelar, che si porta a casa un +1 grazie all’assist per capitan Conti.

A centrocampo troviamo un poker di gol con Pogba, Alvarez, Cerci e Borja Valero. Se il capocannoniere del campionato ormai non è più una sorpresa, lo è invece il centrocampista spagnolo: per lui lo scorso anno ottime prestazione ma pochissimi gol, mentre in questa stagione, grazie alla posizione più avanza relegatagli da Montella, trova più facilmente la via della rete, già a segno 3 volte da inizio campionato. Nota di merito per Ricky Maravilla, forse la più lieta sorpresa di casa Inter, mentre ormai Pogba è sempre meno promessa e più certezza.

Chiudiamo con gli attaccanti: l’uomo copertina di questa giornata è senza dubbio Domenico Berardi, giovane promessa del calcio italiano in orbita Juventus, che ha steso la Sampdoria con una tripletta, ma non si può dimenticare Palacio, che è il capocannoniere del torneo per gol su azione. Chiude il terzetto Callejon, vera sorpresa di questo Napoli: le qualità c’erano, ma nessuno si aspettava questo apporto in termini di realizzazioni.

Balotelli

FLOP ELEVEN

FLOP ELEVEN (4-3-3) Brkic, Cavanda Costa Gabriel Silva Constant, Carmona Pereyra Montolivo, Amauri Balotelli Sau.

Passiamo adesso alle 11 prestazioni più agghiaccianti di questa giornata: fra i pali troviamo senza dubbio Brkic, che vince il ballotaggio delle papere fra i pali con i pur “bravi” Gabriel e Costa. La difesa di ferro è composta da Cavanda, che si è esibilito in una delle sue più brutte prestazioni in biancoceleste, e da Constant, letteralmente inadatto alla maglia rossonera. Costa rimedia un rosso che da il via alla vittoria della Sassuolo, mentre Gabriel Silva si trova nettamente in difficoltà contro l’asse Jonathan-Taider.

A centrocampo troviamo un altro che lascia i suoi in 10, spegnando ogni velleità di rimonta: stiamo parlando di Carmona. Accanto a lui troviamo Montolivo, estremamente sottotono e poco aiutato dai compagni, oltre a Roberto Pereyra: aveva fatto intravedere buone cose lo scorso anno, ma non sta assolutamente riuscendo a replicare.

Chiudiamo con il nostro tridente offensivo, che vede come nome di grido Mario Balotelli: l’involuzione del bresciano è sotto gli occhi di tutti, e chi ha speso gran parte del suo budget Fantacalcistico per SuperMario starà imprecando in tutte le lingue del mondo. Nota di demerito anche per Marco Sau, anche lui involuto rispetto alla scorsa stagione, e per Amauri, passato da attaccante boa a boa di attaccante.

SHARE