SHARE

gattuso

Rino Gattuso ha rilasciato un’intervista al magazine francese So Foot, e l’argomento principale di Ringhio è ovviamente la sua breve esperienza da allenatore del Palermo, terminata in maniera prematura da poche settimane con l’ennesimo esonero operato dal presidente rosanero Maurizio Zamparini. Gattuso non si dimostra tenero con il suo ex datore di lavoro, ecco quanto messo in evidenza da :

IN TUTTA ONESTA’…“Zamparini è un completo incompetente di calcio, uno che non ci capisce niente. Mi chiamava in piena notte per rifare la formazione – racconta l’ex centrocampista del Milan e della Nazionale – ovvio che può farlo, come allenatore sono operativo 24 ore su 24 e lui era pur sempre il presidente. Il problema è che è totalmente incompetente. Non ci capisce niente. E poi è ipocrita e cattivo. Credo sia sotto pressione e che se potesse venderebbe, per la crisi economica. Ma chi comprerebbe il Palermo?”.

BUONI E CATTIVI – Eppure non molti giorni prima lo stesso Gattuso, ospite alla trasmissione di Rai 3 “Che tempo che fa” aveva semplicemente detto che in caso di richiamo da parte di Zamparini, avrebbe respinto l’invito, senza lasciarsi andare ad affermazioni al vetriolo come in questo caso. L’ex giocatore di Corigliano Calabro ha parlato anche di un altro suo vecchio presidente, anche stavolta non proprio in termini lusinghieri.

MI CONSENTA – “Ho votato per Berlusconi non perché fosse il mio capo ma perché credevo nel suo programma. Sapeva trasmetterti sempre una grande motivazione. Non era incompetente quando parlava di calcio, ma non gli avrei affidato nemmeno l’allenamento di una squadra di ragazzi – l’affondo di Gattuso, che conclude – Il Milan ha bisogno di una ristrutturazione e di una squadra competitiva. Si sta trascinando, servirebbero investitori stranieri”.

SHARE