SHARE

massimo tanzillo

Maidirecalcio ha contattato in esclusiva Massimo Tanzillo, direttore di Generazioneditalenti.com, founder and Scout’s Coordinator of X10 Scouting s.r.l.s. ed è inoltre membro attivo dello staff organizzativo del torneo giovanile Trofeo Shalom, torneo dedicati ai giovani di tutto il mondo. Ecco l’intervista integrale:

Mondiali Under 17. Quale calciatore della Nazionale italiana ti ha impressionato di più?

“Sicuramente uno dei calciatori italiani che ha sfruttato meglio la manifestazione è stato il portiere dell’Udinese Scuffet autore di prestazioni di ottimo livello. Personalmente ancora non mi spiego l’esclusione di Bonazzoli dell’Inter

Scuffet, Vido, Parigini: secondo te chi è il migliore?

“Sono calciatori che giocano in ruoli differenti con caratteristiche differenti quindi è impossibile paragonarli. Sicuramente sono con Capadrossi e Calabresi tra i prospetti più interessanti in prospettiva di questa nazionale ma non dimentichiamoci di Cerri, forse in assoluto il calciatore con più potenziale che però non è riuscito mai ad iscrivere il proprio nome nel tabellino dei marcatori di questa manifestazione”

Non solo Italia. Quale Nazionale under 17 ti è piaciuta di più in questo scorcio di competizione e quali sono i giovani talenti di questa manifestazione che ti hanno maggiormente impressionato?

“A livello affettivo avrei voluto menzionarti la Slovacchia che però paga il gap decisamente troppo elevato con le altri nazionali pur avendo tra le proprie fila qualche prospetto interessante. Ovviamente il Brasile e l’Argentina (con Driussi e Sanchez degni di citazione) sono nazionali che meritano sempre un’interesse particolare e, seppur mancando altri gruppi importanti, abbiamo potuto osservare nuove realtà come Messico, Marocco e Honduras che hanno dei talenti di prospettiva. Occhi al nigeriano Success che come spesso capita è già stato preso dall’Udinese”

Come prosegue il lavoro di scouting e in quale zona state operando maggiormente? Qualche nome di giovani sconosciuti che potrebbero imporsi in campo europeo nei prossimi anni?

“Come al solito la nostra agenzia si muove con interesse soprattutto in Repubblica Ceca e Slovacchia grazie ai forti contatti che stiamo consolidando nel corso del tempo con agenti, osservatori e club locali. Per quanto riguarda i nomi ho imparato nel corso del tempo a tenerli per me, ma posso anticiparvi che abbiamo già chiuso delle nuove operazioni con club italiani quindi verrete aggiornati presto”

Ci sono delle differenze tra lo scounting in Italia e quello fatto all’estero? Se sì, quali sono?

“Non sono un esterofilo convinto ma la realtà dei fatti mi induce a prendere atto che spesso all’estero si applica un lavoro di scouting migliore del nostro. Vede il termine “scouting” ormai è inflazionato nel nostro paese e sono convinto che la maggior parte di improvvisati osservatori neppure sappia di preciso di cosa stia parlando. In Italia la vera piaga è camuffare il lavoro di agenti vicini al direttore di turno con la parola “scouting” che invece è un metodo di lavoro vero e proprio con delle proprie peculiarità”

I tre giovani che potrebbero essere considerati la vera sorpresa della serie A

Berardi su tutti, sono anni che dico che presto lo vedremmo in nazionale. Sto aspettando ancora di vedere in azione Longo a Verona che però sta lanciando Iturbe e Jorginho. Keita della Lazio si sta ritagliando sempre più spazio e di Pogba invece sarebbe superfluo qualsiasi parola. Per il resto vedo davvero poco in giro anche se Cristaldo e Laxalt stanno facendo bene in quel di Bologna. Mi spiace, infine, che Obiang alla fine sia rimasto a Genova e dell’andamento della carriere di Belfodil e Icardi cioè i tre migliori giovani dello scorso campionato di serie A a mio avviso”

Johad Ferretti, difensore del Milan, ora in prestito al Benevento, è uno dei giovani della vostra scuderia. Cosa vi aspettate da lui? Potrebbe essere un elemento importante del Milan del futuro?

“Il Milan ha deciso di mandarlo in prestito a Benevento, società che non gli sta dando il giusto spazio seppur nella prima fase del campionato Johad avesse conquistato critica e tifosi con ottime prestazioni. Le somme si tireranno a fine stagione preferisco non lasciare altre dichiarazioni a riguardo”

Se uno volesse far parte della squadra del vostro scouting, cosa dovrebbe fare?

“Siamo usualmente disponibili a dare una chance a chiunque pensa di poter esser utile alla nostra causa. Unici requisiti necessari: serietà, professionalità e competenza”

SHARE