SHARE

ancelotti

Carlo Ancelotti ha rilasciato un’intervista all’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”. La rosea in edicola oggi riporta le parole del tecnico di Reggiolo relative ai suoi primi mesi al Real Madrid, con un curioso particolare relativo a quando allenava il Parma e che ebbe come protagonista Roberto Baggio. Ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio.com:

BENZEMA – “A Madrid insistono nel dire che ho simpatia per l’attaccante francese. Se gioca non è questione di essere più o meno legato con un giocatore ma solo perché ritengo Benzema un giocatore di talento che può aiutare la squadra in maniera decisiva, e specialmente adesso che vive un momento difficile va aiutato e supportato nei limiti del possibile”.

BALE – “Con il gallese e Cristiano Ronaldo il sistema migliore di gioco è il 4-3-3. Bale ci ha messo un po’ ad arrivare e ha avuto qualche problema iniziale di ambientamento, cosa che sapevamo tutti all’interno del club e che avremmo superato on il lavoro dopo poco tempo. Infatti adesso le cose cominciano ad andare per il meglio, ma all’inizio anche per cercare maggior equilibrio ho mandato la squadra in campo con il 4-4-2. Ma come si è visto nelle ultime partite c’è parecchio ancora da lavorare!”.

ERRORI – “Il no a Roberto Baggio al Parma quando allenavo i gialloblu è stato uno sbaglio madornale. Ripensandoci oggi ripeto a me stesso di essere stato un pazzo. Come puoi rinunciare a uno come Roberto? Ero giovane e non avevo il coraggio di addentrarmi in una cosa che non conoscevo a sufficienza, ovvero un altro modulo”.

SHARE