SHARE

39282_10200885721611346_1353354675_n

Oggi noi di MDC abbiamo il piacere di ospitare nella nostra consueta rubrica british, l’autore del libro “London Calling”, che attraverso il glorioso Arsenal ripercorre l’ evoluzione del football nella capitale inglese.

– Max, è tempo di Manchester United vs Arsenal, una classica dell’ english football. Come stai vivendo questa vigilia?

Come tutte le vigilie delle partite contro il Manchester United, abbastanza teso, torniamo ad affrontare i Red Devils da primi in classifica in Premier League ed erano parecchi anni che non succedeva, questa è la “partita” per antonomasia per il tifoso dell’Arsenal dopo il derby con il Tottenham, per me viene anche prima del North London derby visto che non posso vivere la rivalità cittadina sul posto..
Finita la partita di mercoledì contro il Borussia Dortmund, non faccio altro che pensare che se domenica sera l’Arsenal vince all’Old Trafford saremmo seriamente candidati a vincere il campionato quest’anno e visto le polemiche d’inizio stagione..

– Per la prima volta in panchina non ci sarà Alex Ferguson. Che effetto farà non vederlo più contrapposto al rivalissimo Wenger?

Sir Ferguson mancherà a tutti gli appassionati di football, in special modo Britannico, dispiace ma prima o poi si sarebbe dovuto affrontare questo passo per il Manchester United.  David Moyes è il degno successore basta dargli quel tempo che ha avuto anche Ferguson arrivato a Manchester..

– Nel corso del tempo, oltre a goal e tanto spettacolo, questo epico confronto ha riservato anche scontri tra titani. Il più famoso quello tra due sanguigni come Patrick Vieira e Roy Keane. Da dove e quando nasce questa accesissima rivalità?

Come dimenticare gli scontri in campo tra Vieira e Keane, fantastici, per non parlare di quello nel sottopasso di Highbury nel 2005 quando la diretta in televisione inizio con un parapiglia ed i compagni dei due a dividerli. Ma un episodio è rimasto più degli altri nella mia mente ed è stato quello che ha fatto esplodere la scintilla della rivalità prima anche che le due squadre iniziassero a contendesi la Premier League.

Nel 1990 durante Manchester United-Arsenal una rissa spaventosa era scoppiata in mezzo al campo, i piu’ nervosi Winterburn, Alan Smith, Thomas per i londinesi e McClair, Pallister e Irwin per il Manchester United, la partita fu portata a termine con difficoltà da parte dell’arbitro con la vittoria per 1-0 dell’Arsenal, ma gli scontri portarono ad un seguito anche dopo il match e le due squadre furono punite con 1 punti di penalizzazione per lo United e due per i Gunners. Con tutta la penalizzazione a fine stagione riuscimmo a vincere il campionato!

– I fari saranno puntati su Robin Van Persie, il grande ex, idolo per i Red Devils ma traditore per i gooners. Credi che, visto l’attuale momento, l’ olandese abbia peccato di lungimiranza, abbandonando un Arsenal in fase evolutiva per uno United arrivato quasi alla saturazione?

Difficile dire cosa pensava Van Persie quando decise di andare via dall’Arsenal, di certo lo fece a malincuore secondo me.. visto che manager e dirigenza non gli avevano dato assicurazioni necessarie sui rinforzi per competere adeguatamente in Premier League ed in Europa, ricorderò sempre i gol di Robin e mi spiace vederlo con quella maglia..

– Con chi vedrai la partita? Qual è il ricordo più bello che ti lega a questa sfida?

Domenica a casa, dalle 16.30 colonizzerò divano e telecomando, tifare per una squadra straniera comporta chè il più delle volta la partita si guarda da solo.Il più bello sicuramente dello del 2002 ad Old Trafford con la vittoria di 1-0 con gol del francese Wiltord, vinciamo il campionato e conquistiamo il terzo double della storia dei Gunners.. quattro giorni prima avevamo vinto a Cardiff la FA Cup contro il Chelsea di Ranieri!

– Siamo giunti al termine, ti ringraziamo davvero di cuore per averci concesso quest’ intervista. Vuoi mandare un saluto ai tuoi affezionati lettori, ed in più a quelli di Mai Dire Calcio?

Un saluto a tutti e C’mon Gunners!

SHARE