SHARE

Pirlo

ITALIA

Buffon 5,5 : Non sembra proprio sicurissimo, graziato dai pali in più occasioni.

Abate 7 : Parte così e così ma cresce, e alla grande, con il passare dei minuti. La prima rete in maglia azzurra è la ciliegina sulla torta di una prestazione più che positiva in entrambe le fasi.

Barzagli 5,5 : Non è perfetto come spesso gli capita, complice probabilmente il cambio di modulo dietro. Si perde Hummels in occasione del vantaggio ma si rifà nel finale con un paio di buone chiusure. (dal 26 st) Ogbonna s.v.

Bonucci 5,5 : Un auto-assist per Schurrle nel primo tempo che, per sua fortuna, scarica sulla traversa. Si riscatta parzialmente con l’assist a Abate.

Criscito 6 : Torna in azzurro dopo 13 mesi e si ritrova di fronte un certo Thomas Muller. Nel primo tempo si dedica quasi esclusivamente alla fase difensiva ma poi, dopo aver disinnescato il tedesco, inizia a spingere con continuità.

Thiago Motta 5,5 : La mediana tedesca ha un altro passo rispetto al suo compassato stile di gioco. Nel finale rischia di andare anche fuori per una mezza rissa con Kroos.

Pirlo 7 : Il professore tiene l’ennesima lezione alla Scala del Calcio. Quando la prende lui si accendono i fari, quando esce buio pesto. Parte ovviamente dai suoi piedi il gol del pareggio. (dal 37’ st) Cerci s.v

Marchisio 6 : Tanta grinta e tanta corsa per lui stasera. Alla Juve sta giocando poco ma con la prestazione di stasera ha dimostrato che al posto in Nazionale ci tiene eccome. Fermato da Neuer su un buon tiro sul primo palo.

Montolivo 5,5 : Come spesso gli sta capitando al Milan, dimostra di non essere un vero trequartista e, condizionato dalla posizione in campo, la prestazione non può essere positiva. Qualche sporadico lampo qua e là.

Osvaldo 5 : Chiaro passo indietro rispetto alle ultime uscite in azzurro. Con un Pepito Rossi così sembra destinato a guardare i Mondiali dalla panchina. (dal 8’ st) Candreva 6 : Entra con il piglio di chi vuole mettersi in mostra anche perché la condizione fisica è dalla sua parte, non riesce però ad incidere.

Balotelli 5,5 : Da lui ci si aspetta sempre di più. Da sempre l’impressione di poter inventare una super-giocata ma il colpo gli rimane quasi sempre in canna. Risente dell’uscita di Osvaldo.

 

GERMANIA

Neuer 6 : Il tiro di Abate è imprendibile, non si fa sorprendere dal tentativo di Marchisio sul primo palo.

Howedes 6,5 : Siamo abituati a vederlo centrale ma sulla destra non sfigura affatto. Non ha la spinta di un terzino ma tiene molto bene in fase difensiva. Il palo nel finale gli nega la gioia del “match-point”.

Boateng 6,5 : Se Osvaldo combina poco o niente il merito è soprattutto suo. Fisico imponente, sceglie sempre bene i tempi di chiusura.

Hummels 6 : Decisivo nel bene e nel male in entrambi i gol. Porta in vantaggi i suoi con un gran colpo di testa ma è anche lui però a sbagliare la chiusura in occasione del pareggio.

Jansen 6 : Non bellissimo da vedere ma in ogni caso funzionale alla causa tedesca. Bello il duello con Abate.

Khedira 6,5 : Gran partita per il mediano del Real Madrid. Pressing costante a tutto campo, colpisce anche un palo nel primo tempo. (dal 22’ st) S. Bender s.v.

Lahm 6,5 : Come Guardiola, Loew lo propone da centrocampista centrale. Il tedesco è talmente forte fisicamente, tecnicamente ma soprattutto mentalmente che non sfigurerebbe nemmeno in porta.

Kroos 5,5 : Nervosissimo, fa di tutto per accendere gli animi. In una partita ufficiale probabilmente si sarebbe beccato un rosso.

Schurrle 6 : Davanti è molto attivo ma la sua intraprendenza lascia molti spazi a Abate. Traversa clamorosa a seguito del regalo di Bonucci. (dal 15’ st) Reus 5,5 : Non entra bene in partita, nel finale pasticcia clamorosamente a porta vuota.

Gotze 6 : Tentare l’esperimento del “falso nuove” in una nazionale come quella tedesca è sicuramente rivoluzionario. Da rivedere in questa posizione. (dal 15’ st) Ozil 6 : Sempre tanta qualità in ogni palla toccata, entra però in una fase di partita non proprio brillante.

Muller 5,5 : Inizia largo a destra ma non è per niente pericoloso. Sicuramente meglio da centrale ma a quel punto aveva già regalato più di un’ora agli avversari. (dal 43’ st) S. Bender s.v.

SHARE