SHARE

Oltre ad essere falcidiata da infortuni e squalifiche, a Livorno la Juventus potrebbe essere costretta a fare a meno anche di Arturo Vidal. Il cileno è rientrato in anticipo dal ritiro della sua nazionale a causa di un problema all’adduttore che non gli consentiva di affrontare la doppia sfida con Inghilterra e Brasile. In casa Juventus, però, si sperava di poterlo recuperare per la trasferta in Toscana, portandolo almeno in panchina.

LA REGOLA– Invece sembra profilarsi uno scenario apocalittico sulla formazione che Conte metterà in campo domenica. Vidal, infatti, rischia di essere indisponibile in ogni caso a causa della “five days rule”, la regola Fifa che sancisce il divieto di giocare una partita con il proprio club prima che siano trascorsi cinque giorni dall’impegno saltato con la nazionale. La Juventus era sicura che per impegno saltato con la nazionale si dovesse intendere Inghilterra-Cile di venerdì scorso, invece un’interpretazione più severa potrebbe considerare Brasile-Cile di questa sera, l’inizio dei cinque giorni che, in tal caso, scadrebbero domenica quando la Juventus sarà impegnata a Livorno. In casa bianconera stanno studiando le carte e attendono delucidazioni dalla Fifa. Se Vidal non dovesse esserci sarebbe una botta durissima viste anche le condizioni di Marchisio, tornato acciaccato dalla nazionale e in dubbio per domenica.

ALLARME ROSSO- I dubbi più importanti, come noto, riguardano la difesa. Lichtsteiner è recuperato ma non è pronto per Livorno. Stanotte giocherà Caceres col suo Uruguay, ma tornerà in Italia solo nella notte tra giovedì e venerdì. Saranno lui e Chiellini a guidare la difesa bianconera che si esibirà nella sua versione più sperimentale possibile dato che sugli esterni dovrebbero agire Isla a destra e Asamoah a sinistra. Qualora Caceres non dovesse essere in condizione Conte si affiderebbe al giovane Pol Garcia.