SHARE

Nella serata di ieri la Croazia ha battuto l’Islanda 2-0, qualificandosi per i mondiali brasiliani. Non senza una macchia.

Durante la grande festa di pubblico e giocatori successiva al match, infatti, Josip Simunic, uno dei pilastri della Nazionale croata, ha pensato bene di prendere in mano un microfono e gridare ai tifosi “Per la patria!”, con il pubblico che in coro ha risposto: “Pronti!”. Quest’espressione ricalca un saluto che veniva utilizzato dal regime filonazista croato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il giocatore, sotto accusa, ha così risposto:

“Qualcuno dovrebbe prima imparare un po’ di storia. Io non ho alcun timore. Non ho fatto niente di sbagliato, ho solo supportato la Croazia che è la mia patria e se qualcuno ha qualcosa in contrario, non è un mio problema”.

Chi potrebbe avere qualcosa in contrario sono Fifa e Uefa che, per lo stesso canto, multarono la tifoseria croata che lo aveva intonato. Ecco il video del “fattaccio”:

http://www.youtube.com/watch?v=DEQeusH051w