SHARE

Mou

Oggi in conferenza stampa l’allenatore del Chelsea Josè Mourinho, oltre a parlare delle questioni di casa Blues, ha voluto spendere anche due parole sulle dimissioni improvvise di Adriano Galliani: “Di lui posso solo parlare bene. E’ un galantuomo e provo nei suoi confronti il massimo rispetto. È stato il dirigente più importante della vera squadra rivale delle mie stagioni all’Inter. È un dirigente conosciuto nel mondo e gli auguro di godersi la vita perché il calcio dà molto, ma toglie altrettanto, soprattutto sul piano privato”. Un Mourinho sinceramente colpito dalle dimissioni di Galliani che ha dimostrato con queste parole di stimare davvero molto l’ormai ex dirigente rossonero.

Lo Special One ha poi fatto gli auguri a Ryan Giggs che oggi compie 40 anni: “Giggs è un calciatore storico. Era al top dello United negli anni Novanta. Ricordo di averlo visto per la prima volta nel 1998 e ora che siamo nel 2013 è ancora una star dello United. Merita il massimo rispetto un giocatore capace di essere ancora protagonista alla sua età”.

Dopo le parole al miele Mou però torna alla carica e il suo obiettivo è il giovane attaccante del Chelsea in prestito all’Everton Romelu Lukaku. “A Lukaku piace parlare, l’unica cosa che non dice è perché non è qui con noi. L’ultima cosa che gli ho detto è: spiega perché non sei al Chelsea. E’ qualcosa su cui dovrebbe riflettere. Jackson Martinez? A gennaio non arriverà nessuno, siamo a posto con Eto’o, Torres e Demba Ba”.

Queste le accuse di Mourinho che si scaglia contro un Lukaku reo di aver dichiarato nei giorni scorsi di non aver più contatti con lo stesso allenatore dei Blues.

 

SHARE