SHARE

Cassano-esulta-Parma-PPFinisce il parità il derby d’Emilia tra Parma e Bologna, anticipo della 14esima giornata di Serie A. I ducali dopo il sorprendente risultato positivo al San Paolo contro il Napoli non riescono a confermarsi anche in casa contro un Bologna che, dopo il pareggio in casa di domenica scorsa contro l’Inter, dimostra di attraversare un buon periodo di forma. Con questo pareggio i gialloblù raggiungono quota 17 punti in classifica mentre la squadra di Pioli resta fuori dalla zona retrocessione, in attesa delle gare della domenica.

LA PARTITA –  Il primo squillo del match, giocato sin da subito su buoni ritmi da entrambe le squadre, è di marca rossoblù quando al 3′ con una punizione dalla trequarti di Morleo, che trova la spizzata di Khrin di testa, Bianchi non riesce ad arrivare con i tempi giusti alla deviazione sottomisura. I primi minuti sono di marca bolognese e al nono una sponda aerea di Bianchi pesca Konè a rimorchio che con un potente tiro al volo trova la segnatura nell’angolino basso alla destra di Mirante. Il gol subito sveglia il Parma che comincia a macinare gioco; al 19‘ Cassano quasi da fermo prova una pennellata a giro da fuori area di poco alta sulla traversa, e sempre il barese tre minuti più tardi su punizione di Sansone quasi dalla bandierina dell’angolo, trova la deviazione al volo a incrociare sul secondo palo siglando il suo centesimo gol in Serie A. Trovato il gol del pareggio il Parma comincia a fare la partita ma recuperato il pallone il Bologna non rinuncia ad attaccare. Come al 29′ quando Perez, con un lancio dalla sua metàcampo, trova Lazaros che in corsa impegna Mirante che devia il pallone sul primo palo a mano aperta. In un secondo tempo di marca gialloblù il Bologna fatica a superare la metàcampo e l’espulsione di Sorensen per doppia ammonizione non fa che complicare terribilmente le cose per la squadra di Pioli. Sansone nei primi minuti prova ad impensierire Curci prima dalla distanza poi su punizione, ma il punteggio non si sblocca e con le sostituzioni Donadoni prova a cambiare il Parma per renderne più pungente il forcing . Ma cambia poco e le conclusioni al 67′ di Cassani, al 75′ di Marchionni e all’80’ di Cassano si infrangono su un Curci pronto a mantenere a galla il Bologna anche nei minuti finali. Ma poco avrebbe potuto fare all’ultimo minuto di recupero sul colpo di testa del subentrato Amauri che lambisce il palo e sancisce la fine della partita.

SHARE