SHARE

183711961-e7b60ed8-98ac-4c3a-869d-3b1ce930ecfbEcco le pagelle di Parma Bologna stilate dalla redazione di MaidireCalcio:

PARMA

MIRANTE 6: mai impegnato nel secondo tempo, nel primo quando chiamato in causa si fa trovare pronto soprattutto su un tiro di Lazaros insidioso. Incolpevole sul gol

CASSANI 6: spinge poco nel primo tempo ma nella ripresa trae giovamento dalla superiorità numerica e tende ad affacciarsi di più in zona d’attacco provando anche la conclusione, ma la squadra preferisce attaccare per vie centrali cosa che ne condiziona il rendimento

PALETTA 6,5: dopo un periodo di stagione complicato viene schierato da Donadoni e non delude le aspettative. Il difensore argentino è sempre pronto e concentrato su ogni palla proposta in avanti dal Bologna, soprattutto nel primo tempo

LUCARELLI 6: come il suo compagno di reparto il grosso del lavoro lo fa nel primo tempo. Soffre un pò all’inizio il gioco di Bianchi ma poi capisce l’andazzo e risponde di conseguenza

GOBBI 6,5: sin dall’inizio il Parma attacca spesso dalla sua parte, arriva anche in area spesso e volentieri ma pecca nel non cercare il fondo con più continuità

ACQUAH 6: centrocampista arcigno l’ex Palermo, forse non è la partita adatta alle sue qualità più da incontrista che da costruttore di gioco ma finchè resta in campo si disimpegna e fa il suo

MARCHIONNI 5,5: schierato da Donadoni da regista non rende come dovrebbe. Nel primo tempo sparisce un pò nel folto centrocampo del Bologna, nel secondo si vede un pò di più, anche al tiro, ma non da ciò che potrebbe

PAROLO 5: partita anonima quella del nazionale italiano che non sfrutta neanche la qualità che lo ha contraddistinto in questo inizio di stagione; non cerca mai il tiro nemmeno nel momento del forcing finale della sua squadra

BIABIANY 5,5: in difficoltà l’ex giocatore dell’Inter che trova sulla sua strada un Morleo che ne limita bene le qualità. Raramente prova l’accelerazione forse anche condizionato da un lieve problema muscolare avvertito a metà del primo tempo, e quando parte da fermo non è la stessa cosa

SANSONE 6: nel primo tempo soffre la difesa a tre schierata da Pioli, nel secondo invece è più attivo e arriva anche alla conclusione più volte. La sua rapidità di movimento mette più volte in difficoltà i lunghi difensori del Bologna

CASSANO 7: schierato da “falso nueve” ogni azione pericolosa del Parma passa dai suoi piedi, in ogni occasione da rete c’è il suo zampino. Il gol è di pregevole fattura e dimostra anche di attraversare un ottimo periodo di forma fisica con scatti e giocate in velocità che ne fanno il migliore in campo dei suoi, per i quali il barese è il punto di riferimento

BOLOGNA

CURCI 7: il titolo di migliore in campo dei rossoblù non glielo toglie nessuno. Dopo la partita di Bergamo subisce molte critiche ma oggi si riscatta con 5/6 interventi decisivi con i quali mantiene a galla il Bologna fino alla fine

SORENSEN 4,5: soffre molto la rapidità di Cassano e Sansone e infatti la sua partita finisce in anticipo per doppia ammonizione per due falli sul duo d’attacco dei ducali

NATALI 6: schierato al centro della difesa regge l’urto del Parma fino alla fine sebbene non sempre sia preciso nell’intervento. E’ ruvido quando serve

ANTONSSON 5,5: Pioli gli chiede di uscire su Cassano quando il barese ha la palla tra i piedi ma con un fantAntonio in serata di grazie sarebbe stato difficile per tutti

GARICS 5: il Bologna spinge di più dalla parte di Morleo lasciando allo slovacco più compiti difensivi ma Gobbi sulla sua fascia lo supera spesso e volentieri, nel secondo tempo arretra in difesa dopo l’espulsione di Sorensen e soffre l’ondata gialloblù in cerca della vittoria

MORLEO 6,5: spinge con continuità sino a quando il Bologna è in parità numerica, poi si spegne e arretra alla difesa del pareggio

PEREZ 6: esce sfinito dal campo il giocatore uruguagio stremato dalla pressione dei centrocapisti parmensi. In fase di interdizione limita i danni anche in inferiorità numerica, mentre in fase di proposizione il suo apporto è scarso

KHRIN 5,5: più lavoro oscuro per l’ex primavera dell’Inter ma questo non basta a evitargli un’insufficenza che per quanto poco lo si è visto stasera  inserito nel gioco nel Bologna è meritata

KONE 6,5: se non ci fosse Curci il titolo di migliore del Bologna sarebbe certamente il suo. Gol a parte corre e si sbatte dall’inizio alla fine; in inferiorità numerica è l’unico a crederci e a cercare la vittoria ma i suoi compagni sono più propensi a difendere il pareggio e così il greco predica nel deserto

LAZAROS 5: schierato al posto di Diamanti non combina molto in fase d’attacco. Frenetico e impreciso lascia spesso Bianchi a lottare tra i difensori del Parma, non vale Diamanti e si vede

BIANCHI 6: nel primo tempo è il più pericoloso dalle parte di Mirante dove fa a sportellate e prova anche la conclusione verso la porta. Nel secondo tempo è abbandonato a se stesso nell’area dei ducali ma quando può tiene palla e fa salire la squadra

 

 

SHARE