SHARE

C_3_Media_1787725_immagine_ts673_400Se non sarà un inferno poco ci manca. Sicuramente i giocatori della Juve che stasera entreranno in campo alla Turk Telekom Arena si troveranno davanti a una bolgia, come quelle che Conte ha spesso invocato allo Juventus Stadium nelle partite decisive e non solo. Una bolgia giallorossa, colori sociali del Galatasaray, di passione dei  52.652 spettatori che dire che si faranno sentire è quasi un eufemismo. Sì perchè in nessun’altro stadio d’Europa si urla quanto alla TT Arena; e il record è stato certificato dal Guinness dei primati il 18 marzo del 2011, nel derby contro il Feberbahçe, quando dagli spalti si alzò un “urlo” di 131,76 decibel. Forse non è chiaro a quale tipo di trambusto possano corrispondere 131,76 decibel; per intendersi, quella che i medici indicano come “soglia del dolore”, ovvero il livello al di là del quale l’orecchio umano inizia a dolere, è fissato a 120/125 decibel. Un jet in fase di decollo raggiunge i 130/135 decibel, i record registrati ai concerti rock si aggirano fra i 120 e i 130 decibel.

E’ dal gennaio 2011 che i turchi del Galatasaray giocano alla Turk Telekom Arena, che ha sostituito la storica casa dei tifosi giallorossi di Istanbul, lo stadio «Ali Sami Yen», la cui stessa architettura incuteva ansia e che aveva modo di intimorire gli avversari con trovate e trucchetti di ogni sorta (compresi spogliatoi allagati e bagni intasati). Di 66 partite giocate nel nuovo stadio però, i turchi ne hanno perse 9, non male, ma sempre oltre il doppio di quel che lascia agli avversari lo Juventus Stadium, tre sconfitte su 59 uscite. Questo può valere certo come conforto perchè in fondo, come detto da Buffon, non si è mai visto nessun tifoso segnare un gol, nemmeno con un urlo più rumoroso di un Boeing.

SHARE