SHARE

Walter

Prima stracittadina milanese per il tecnico dell’Inter Walter Mazzarri. Ecco le parole del tecnico livornese in vista dell’attesissimo derby di domenica sera, posticipo della 17a giornata.

La prima volta – “Ha un fascino particolare, ma cerco di pensarci il meno possibile. Avrò la percezione quando entrerò in campo. La cosa importante è far giocare bene la squadra a livello motivazionale, perché bisogna essere preparati a vivere la partita in un certo modo. E questo mi preoccupa di più perché vorrei vedere esprimere il calcio che mi piace propositivo, palla a terra, che sia piacevole”.

Il derby è il derby – “Voglio grande attenzione e aggressività in fase difensiva. E poi vorrei vedere serenità per poterci esprimere al meglio. Le partite di cartello sono un po’ tutte uguali. E’ vero che il derby è il derby, ma bisogna preparare al meglio i ragazzi. Bisogna mettere il cuore, ma senza dimenticare che se si fanno le cose bene, il risultato poi arriva”.

Partita vibrante ma occhio – “Credo sia una partita vibrante, non vorrei che qualcuno dei miei la senta troppo. Bisogna entrare in campo nel modo giusto, la fase passiva deve essere fatta con grande determinazione. Da due partite non giochiamo in 11 contro 11 e probabilmente ci sono costate dei punti, non dobbiamo dimenticarci delle regole del calcio domani”.

L’incontro con Thohir – “E’ stato un incontro positivo e piacevole, anche se quando non otteniamo risultati io non riesco a darmi pace mentre lui ha cercato di dare serenità apprezzando il gioco che abbiamo espresso a Napoli. Dobbiamo arrivare più in alto possibile, e su quello costruire il futuro poi l’estate prossima”.

Guarin parte, Guarin resta – “Intanto pensiamo alla partita. Di mercato non parlo. Secondo me non è riuscito a esprimere al massimo le proprie potenzialità, dal punto di vista tecnico e fisico ha tutto. A Napoli ha fatto la migliore partita da quando sono all’Inter”.

Chi al posto di Alvarez? – Zanetti dovrebbe essere il giocatore giusto per portare equilibrio per l’esperienza e le doti che ha. Kovacic potrebbe essere valutato al posto di Guarin come trequartista e Guarin potrebbe giocare mezz’ala al posto di Alvarez”.

Sfida toscana – “Ho stima professionale con Allegri, come lui ha di me. Quando due allenatori fanno interesse della propria squadra e succede qualcosa per difendere il proprio lavoro, può capitare qualcosa. L’importante è che ci sia stima e rispetto reciproco”.

Vincere sarebbe speciale – “Sarebbe una grande iniezione di fiducia per tutta la stagione. Se dovesse andare male, dovrò metterci del mio per voltare pagina. Ma è più da valutare in casi negativi, perché se dovesse andare bene sarebbe un qualcosa di particolare”.

SHARE